ABS scale - Glossario scale - Guida tecnica e consigli chiamate d'oca

Glossario scale

Di seguito una guida alla comprensione dei termini tecnici più usati quando parliamo di scale. Questa guida può tornare utile anche nel nostro rapporto con voi clienti e comprende anche alcuni consigli per avere una scala comoda.

La guida è concepita in modo da essere letta in sequenza (ma non è necessario) e per aiutarci abbiamo voluto usare direttamente un paio di esempi che fanno riferimento a vere realizzazioni. Ogni scala è accompagnata dal disegno tecnico in CAD adattato per questo scopo.

Indice dei termini:

Rampante Gradini sfalsati Altezze Foro soletta
Alzata Gradino di invito Struttura portante Vano scala
Pedata Pianerottolo Ringhiera Tromba della scala
Sormonto Piè d'oca Larghezze Sottoscala

 

Esempio n° 1 

La scala qui sotto è del tipo a giorno (per esterni, con alcuni accorgimenti specifici richiesti dal committente, come descritto qui) con struttura p vbsldcys. カナダのグースジャケットortante a monotrave centrale (un tubo di ferro a sezione quadrata 120 x 120 mm). Le fotografie sono state scattate nel cantiere ancora aperto ai lavori.

Cliccate per ingrandire le immagini: 


Esempio n° 2

La scala seguente è del tipo a giorno a gradini sfalsati a monofascia laterale in Acciaio INOX (per altre fotografie della stessa scala clicca qui).

Cliccate per ingrandire le immagini: 

 

Partendo dal primo esempio abbiamo dunque che:

 

Rampante:

Per rampante (o rampa di scala o rampa di gradini) intendiamo un blocco di scala costituito da una successione ininterrotta di gradini. La 'successione' si considera interrotta, quando ad esempio siamo in presenza di una svolta e abbiamo quindi un rampante fino alla svolta e uno dopo la svolta. Per esempio un rampante può essere quello compreso tra due pianerottoli. 

Per sfruttare direttamente i due esempi: nel primo la scala si considera a tre rampanti (il terzo rampante, di sbarco, è molto breve); mentre la scala del secondo esempio è a rampa diritta, unica, quindi si può anche dire che è una scala formata da un unico rampante. 

Torna all'indice

 

Alzata:              

L'alzata, come si vede nel disegno del primo esempio, è la misura presa in altezza tra un gradino e l'altro. Un'alzata, per risultare comoda, deve misurare tra i 17 e i 19 cm circa. Si può anche arrivare fino ai 22-23 cm (per scale che si considerano già ripide) ma in linea generale si deve considerare che più la misura cresce più diventa importante considerare anche la lunghezza di un rampante: alzate molto spinte possono essere accettabili su rampanti brevi, come nel secondo esempio, mentre più è lungo il rampante, più l'alzata (se molto alta) contribuisce a rendere la salita faticosa e di conseguenza meno sicura.

Alzate basse, diciamo dai 17 cm circa in giù, non presentano difficoltà nella salita (anzi agevolano chi ha difficoltà motorie) ma a qualcuno possono non piacere (perchè si alzano i piedi meno di quello che uno vorrebbe o che è abituato a fare). Ma in particolare un'alzata bassa implica un maggior numero di gradini per coprire la stessa altezza; mettere più gradini vuol dire che si deve avere più spazio a disposizione, ed ecco allora che una scala con le alzate basse è più spesso una scala di una certa importanza oppure indicata per luoghi aperti al pubblico.

Entrambi gli esempi poi (anche se nel primo esiste un supporto in metallo per il gradino) rappresentano delle scale che si definiscono ad alzata aperta, questo perchè lo spazio in altezza tra due gradini è sostanzialmente libero alla vista frontale, un esempio di alzata chiusa lo si può vedere qui dove chiaramente fino ad una certa altezza (dal pavimento) le alzate sono chiuse per poi diventare aperte nel tratto finale del rampante. Un bel esempio di scala completamente ad alzate chiuse è questa.

Torna all'indice

 

Pedata:

Anche se talvolta il termine 'pedata' viene usato come sinonimo di gradino, per noi la pedata è la zona utile e calpestabile (dove mettiamo i piedi) dello stesso. Nel primo esempio, potremmo anche parlare (un poco impropriamente) di pedata in gomma mentre il gradino è in ferro (costruito a "vaschetta", per contenere la gomma). In realtà il gradino è tutto l'insieme: la parte in gomma più il ferro ripiegato a vaschetta.

Se intendiamo la pedata come la zona utile e calpestabile del gradino allora possiamo definire la dimensione della pedata come la profondità, vista in pianta, di un gradino prima di incontrare il successivo (esattamente come è indicato nel disegno del primo esempio). 

Una scala comoda per una abitazione solitamente ha pedate che misurano tra i 24 e i 28 cm, misure come 23 cm o meno sono ancora accessibili, ma più difficoltose da approcciare. Misure superiori vanno bene per scale nei luoghi aperti al pubblico. Ma è si deve tener conto che pedate troppo grandi possono risultare "problematiche" perchè rischiano di impacciare i movimenti se superano (o arrivano al limite) del passo medio di una persona.

Torna all'indice

 

Sormonto: 

In diretto collegamento con la pedata abbiamo il sormonto, che è la parte tra due gradini che sormonta (che si sovrappone). Detta in altro modo, se guardiamo frontalmente un gradino (come quando saliamo la scala) si considera come sormonto quella parte (e solo quella) che finisce sotto il gradino successivo.

Quando l'alzata è aperta (o libera) si ha di solito il massimo sormonto, mentre con le alzate chiuse, lo spessore longitudinale stesso dell'alzatina (il particolare messo a chiudere l'alzata) riduce il sormonto. Il sormonto può anche essere di zero centimetri, come in caso di scale o rivestimenti particolari (di solito per pura scelta di design) ma il fatto che il piede non abbia davanti a sé un certo margine (rispetto alla pedata utile) potrebbe rendere un attimo incerta la salita. E questo vale maggiormente quando la pedata è piuttosto corta; in questo caso l'avere un sormonto, anche se poi non ci finisce davvero il piede, permette di sentirsi più liberi nella salita.

Torna all'indice

 

Gradini sfalsati (o pedate sfalsate):

Nel secondo esempio è ritratta una scala a gradini sfalsati che talvolta vengono chiamate anche scale "alla marinara" (poichè sono soluzioni adottate anche in ambito nautico). Dal dizionario sfalsare significa: "collocare più oggetti in modo che non siano allineati" che in effetti è quello che succede. Partendo dal principio che si salgono le scale a piedi alternati, qualcuno ha avuto l'idea di "sfalsare" i gradini in modo che la metà destra o sinistra (vista frontalmente) di un gradino, soppravanzi fino a circa metà pedata del gradino che lo precede, questo in modo alternato (il disegno in pianta del secondo esempio aiuta a chiarire meglio la cosa).

Quello che si ottiene è che si riesce quasi a ridurre della metà l'occupazione in pianta di una scala. Naturalmente, si ottengono delle scale ripide (molto inclinate in salita) ma che permettono di salire anche ad altezze normali in condizioni di effettiva carenza di spazio.

Mentre la salita risulta abbastanza naturale, a parte un attimo di incertezza di fronte alla scelta del piede giusto, più attenzione deve essere posta nella discesa; spesso l'alzata non proprio bassa è quello che ci rende più insicuri. Ma vi possiamo assicurare che la scala mostrata come esempio è assolutamente utilizzabile con tranquillità, inoltre essendo "compatta" (corta) si ottengono notevoli rigidità e stabilità.

Torna all'indice

 

Gradino di invito:

Spesso il gradino di ingresso alla scala (il primo gradino della stessa) ha dimensioni leggermente maggiori di quelli subito successivi, ma lo chiamiamo di invito quando oltre ad essere più grande è anche sagomato per agevolare e indirizzare ("invitare") direttamente verso la scala. Di solito è una soluzione che si adotta con scale più ampie e o importanti e quando non ci sono limiti di spazio alla partenza della scala.

Torna all'indice

 

Pianerottolo: 

E' semplicemente un gradino più grande, di solito di forma quadrata o rettangolare, usato tipicamente in corrispondenza di una svolta della scala. Quando è inserito per interrompere un rampante di una scala (più spesso in luoghi pubblici, vedi ad esempio questa nostra scala elicoidale per centro congressi) viene definito anche come pianerottolo intermedio di riposo. La cui funzione è quella di permettere una breve sosta per riposarsi o per far passare un'altra persona con maggiore comodità e sicurezza. 

Nel caso di una svolta sarebbe sempre da preferire un pianerottolo all'uso dei piedi d'oca, perchè è maggiormente agevole; ma nel caso delle normali abitazioni, con vani scala limitati, l'uso di un  pianerottolo è spesso impraticabile.

Con il termine pianerottolo può anche essere chiamata un'appendice del pavimento che si prolunga nel vuoto (per esempio sul foro di passaggio di una scala sottostante). Vi si può ad esempio appoggiare la partenza della scala o, viceversa, se è posto all'arrivo è dove poi possiamo sbarcare. Se poi prendiamo ad esempio le scale a chiocciola, l'ultimo gradino è normalmente chiamato pianerottolo di sbarco.

Torna all'indice

 

Piè d'oca (gradino a piede d'oca e gradino a ventaglio):

Il nome piè d'oca lascia subito intuire la derivazione, basta solo immaginarsi i "piedi" (le zampe) di un oca; noi usiamo di solito la forma estesa: piede d'oca. In sostanza sono chiamati così i gradini angolari di una scala, che sono quelli che ci permettono di svoltare (vedi anche alla voce pianerottolo). Se guardiamo il primo esempio, il secondo e terzo gradino (alla partenza) sono appunto dei piedi d'oca (ma in questo caso, essendo solo due gradini angolari, noi li chiamiamo anche metà pianerottolo). Nel caso delle scale a chiocciola a pianta quadra tutti i gradini sono di fatto dei piedi d'oca, ma nel caso delle scale a chiocciola a pianta tonda è più esatto chiamarli gradini a ventaglio (la forma immaginata è sempre all'orgine del termine).

Torna all'indice

 

Altezze (varie):

Nel primo esempio abbiamo chiamato (per comodità) H1 la misura più importante, che è quella che và dal pavimento di partenza al pavimento di arrivo e che deve comprendere lo spessore della pavimentazione finita (che sia di ceramica, parquet ecc). Con H2 abbiamo indicato la misura presa dal pavimento di partenza al sofitto.

Quest'ultima misura è necessaria in almeno due casi: il primo caso si ha quando il foro soletta non è (e non può essere) grande quanto le dimensioni in pianta dell'intera scala, e quindi si deve verificare che una persona, salendo, non rischi di toccare il sofitto con la testa. Il secondo caso si ha quando si voglia fare la scala più larga nel tratto precedente all'attraversamento della soletta e dunque, si deve stabilire fino a che altezza la scala può essere più larga e che altezza massima avrà la ringhiera in quella zona (quella che rimane tra la scala allargata e il soffitto).

L'ultima misura utile è quella dello spessore della soletta (sempre compreso lo spessore della pavimentazione) che serve anche per determinare gli ancoraggi (della scala) all'arrivo.

Torna all'indice

 

Struttura portante:

Le nostre scale si possono definire autoportanti e quello che le rende tali sono quegli elementi che hanno la funzione di sostenere l'intera scala e che possono essere di diverse tipologie:

Nel primo esempio la struttura portante è costituita dal monotrave centrale, che è l'elemento che sorregge l'intero peso della scala e che viene poi ancorata ai muri perimetrali. Ma anche i supporti dei gradini in ferro (a cui sono poi appoggiati e fissati i gradini veri e propri) sono appendici e parte di questa stessa struttura portante.

Nel secondo esempio la struttura portante principale è data dalla monofascia laterale in Acciaio INOX, ma a portare il tutto sono anche i distanziatori in acciaio inox posti tra i gradini. In questo caso anche la ringhiera stessa contribuisce irrigidendo il tutto.

Nel caso di una scala a chiocciola la struttura portante è costituita da un palo centrale in tubo di ferro, che attraversa l'intera scala in verticale, e in cui vengono "infilati" quelli che noi chiamiamo i bussolotti distanziatori (che possono essere in metallo o legno) alternati ad un gradino a piede d'oca. Questi bussolotti sono quelli che fermano e sostengono i gradini con l'aiuto fondamentale del palo centrale (che quindi rimane nascosto).

E se per esempio abbiamo una scala costituita da un unica lamiera metallica (di adeguato spessore) piegata e saldata in modo da ricavarvi la forma dei gradini, la scala stessa è praticamente un'unica struttura portante

Torna all'indice

 

Ringhiera:

La ringhiera è quell'elemento della scala che ha la funzione di proteggere le persone da cadute accidentali. Una ringhiera viene posta sui lati della scala esposti al vuoto (quando si parla di scale per interni, è di solito il solo lato che guarda verso la stanza) e con la stessa funzione viene posta anche all'arrivo, quando il foro soletta è sprotetto. Oppure può essere installata sopra un soppalco ecc. In entrambi gli esempi (sopra proposti) la ringhiera è del tipo a correntini (un tondino in acciaio inox di circa 8-10 mm di diametro, che segue l'inclinazione della scala) con dei piantini verticali distanziati tra loro e messi a reggere sia i correntini che il corrimano (chiamato talvolta passamano).

Sebbene questo tipo di ringhiere (a correntini) siano molto usate negli ultimi anni, le ringhiere possono essere le più varie, come si può vedere anche qui.

Se guardiamo ad esempio questa galleria dove sono fotografate ringhiere di diversi anni fà, la ringhiera viene detta a colonnette verticali (che stanno tra un corrimano superiore e un sottocorrimano inferiore) e quegli elementi verticali più grossi, che iniziano e terminano la ringhiera, sono detti caposcala.

Torna all'indice

 

Larghezza della scala (e larghezza utile):

Se guardiamo frontalmente, come per salirci, il rampante principale, avremo che l'occupazione reale  della scala coincide con la larghezza massima presa da un lato esterno all'altro. Questa misura deve comprendere anche l'occupazione della ringhiera (specie nel caso sia fissata all'esterno) e comunque arriva spesso fino al lato esterno o dei piantini o del corrimano, perchè di solito sono quegli elementi della ringhiera (e quindi della scala stessa) che sporgono di più.

In fase progettuale, questa larghezza massima, viene limitata sia dalla dimensione del foro soletta preesistente che dal fatto che intorno alla scala c'è normalmente bisogno di un pò di aria (spazio) sui lati a muro, e specialmente intorno al corrimano quando questo attraversa la soletta (per permettere di far passare le dita della mano). Se il foro però non è ancora presente e si vuole una determinata larghezza utile (vedi sotto) allora potreste valutare di consultarci al riguardo (fatto salvo che per forare una soletta c'è poi sempre bisogno di un tecnico).

Per 'larghezza utile' noi intendiamo la larghezza reale di passaggio della scala, che di norma corrisponde alla larghezza del gradino meno l'occupazione della ringhiera. Occupazione che varia a seconda della soluzione adottata. Nel primo esempio la ringhiera è fissata ai bordi esterni dei gradini ma il corrimano rimane interno alla scala, quindi la larghezza utile è la larghezza del gradino meno i pochi centimetri occupati dal corrimano e della relativa mensolina di fissaggio.

Considerato poi che di fatto una persona può tranquillamente passare anche in meno di 60 cm, abbiamo che di norma una scala larga sui 80-90 cm è una scala giusta e che permette di lasciar passare agevolmente anche una seconda persona, mentre una scala che supera i 100-120 cm è già una scala che si può definire importante.

Torna all'indice

 

Foro soletta (o foro di passaggio della scala):

E' il vuoto che viene creato nella soletta di arrivo per permettere il passaggio della scala. Lo spazio che viene aperto deve tener conto sia del fatto che salendo la scala una persona deve poter passare senza andare a toccare il soffitto con la testa (vedi anche qui) che della larghezza desiderata e consigliabile per un certo tipo di scala. A tal riguardo consigliamo di chiedere un parere anche a noi.

Possibili restrizioni alla dimensione del passaggio possono venire dalla struttura portante della soletta (travature) che possono limitarne l'apertura. Se la scala viene richiesta a seguito di una ristrutturazione (o modifica dell'abitato) dovrete avvalervi della consulenza di un tecnico (geometra, ingegnere e di una impresa edile) che sappia dirvi dove è possibile forare e per che dimensioni.

Torna all'indice

 

Vano scala: 

E' tutto lo spazio dove alloggia (o alloggerà) la scala comprensivo delle pareti che lo delimitano. Le dimensioni e la forma del vano, insieme a quelle del foro soletta, determinano di conseguenza la forma e la dimensione della scala.

Torna all'indice

 

Tromba della scala:

Se per esempio immaginiamo una scala con pianta base ad "U" con due rampe parallele (e naturalmente in direzioni opposte) la tromba della scala è lo spazio vuoto che rimane tra le due rampe. Più semplicemente, se prendiamo il caso di una scala elicoidale, la tromba della scala è il vuoto centrale.

Torna all'indice

 

Sottoscala:

Il nome lascia subito intuire che si tratta dello spazio, solitamente vuoto, che si trova al di sotto di una scala. Questo spazio può essere sfruttabile per metterci del mobilio oppure vi si potrebbe realizzare un ripostiglio come nell'esempio di questa scala già vista in precedenza.

Torna all'indice

Copyright ABS scale


chiamate d'oca

canada goose expedition
Ceanada géarchéime
Doudoune Canada Goose

I follicoli piliferi

« sebo, acne e ghiandole sebacee

 

Il follicolo pilifero è una formazione epidermica, affondata nel derma, costituita dal pelo e dalle sue guaine.

La formazione dei follicoli piliferi è molto precoce, tanto che iniziano a comparire già intorno al secondo mese di gestazione. Tali follicoli continueranno a formarsi per tutto il prosieguo della gravidanza; al momento della nascita il bambino avrà tutto il corredo di follicoli di cui è stato geneticamente dotato e da questo momento in poi non se ne formeranno altri.

Il follicolo pilifero affonda nella cute con una certa inclinazione, per questo motivo i nostri peli normalmente non sono diritti, ma leggermente inclinati.

La parte che emerge dalla cute è chiamata asta o fusto del pelo. La porzione che affonda nella pelle è chiamata radice ed è circondata da diverse guaine.

Dietro alla ghiandola sebacea, che riversa il suo contenuto nel follicolo pilifero, è presente un piccolo muscolo, chiamato erettore del pelo. Questo fascetto di fibre muscolari è inserito da un lato nel follicolo e dall'altro nel derma più superficiale (avventiziale), dove si continua aprendosi a ventaglio. Il muscolo erettore si attiva in risposta al freddo, o in seguito ad una sensazione di paura. Contraendosi, fa alzare l'asta del pelo, facendo raggrinzire anche la cute attorno al follicolo, che si solleva visibilmente dando origine alla cosiddetta "pelle d'oca".

 

Follicolo pilifero pelo

 

La parte più bassa del follicolo, leggermente allargata, è chiamata bulbo. Al suo interno è presente il pelo, avvolto dalla guaina epiteliale interna, a sua volta circondata dalla guaina epiteliale esterna. Il tutto è avvolto da una sorta di membrana di natura connettivale, cioè formata da fibre.

Da notare che il bulbo, nella parte inferiore, è strutturato in modo tale da accogliere la cosiddetta papilla dermica, una struttura altamente vascolarizzata che fornisce gli elementi indispensabili alla sua attività.

Ogni pelo è circondato anche da una ricca innervazione nervosa.

L'asse del pelo ha un diametro di circa 70-100 μm ed è formato da tre strati contigui, chiamati, dall'interno verso l'esterno, midollo, corteccia e cuticola.

Il midollo, assente nei peli più sottili, è costituito da cellule particolarmente grandi e con grossi spazi interstiziali ripieni d'aria (che possono influenzare il colore stesso del pelo).

La corteccia è la parte principale ed è formata da più strati di cellule morte (prive di nucleo ed organuli) ed appiattite, simili a quelle presenti nello strato corneo dell'epidermide. Queste cellule sono anche pigmentate, grazie alla presenza di melanociti situati nel bulbo.

Infine, la porzione più esterna, detta cuticola, è costituita da un unico strato di cellule, molto sottili e trasparenti (perché prive di pigmento). Tali cellule sono disposte in modo embricato, un po' come le tegole di un tetto, ed hanno lo scopo di proteggere la corteccia sottostante. Al microscopio si presentano come piccole scagliette, il cui margine libero è rivolto verso l'esterno. Nella radice del pelo, anche lo strato più interno del follicolo presenta cellule disposte in modo embricato, ma in maniera opposta, cioè con il margine libero rivolto verso il basso. Grazie a questa particolarità anatomica, le cellule della cuticola si vanno ad incastrare con quelle della parete del follicolo, migliorando l'ancoraggio del pelo al suo interno.

Le cellule della parte più bassa del bulbo, che circondano la papilla dermica, sono chiamate cellule della matrice del pelo. Si tratta di gruppi di cellule indifferenziate, in grado di dividersi attivamente per mitosi. Le nuove cellule che originano da questa divisione si staccano, partecipando alla formazione dei tre strati del pelo o della guaina epiteliale interna, a sua volta composta da tre strati.

Il bulbo contiene diversi gruppi di cellule specializzate nella germinazione e proliferazione del pelo.

La guaina epiteliale interna ha la funzione di conformare l'asse del pelo, cioè di formare una specie di astuccio rigido entro cui il pelo cresce e si allunga. Tale rigidità è conferita dalla presenza di cheratina.

La guaina epiteliale esterna è formata dall'epidermide, che affonda nel derma come un dito di guanto, ed è quindi costituita da più strati di cellule con funzione di supporto.

Ancora più all'esterno, la membrana connettivale è formata da fibre di collagene (che danno una certa robustezza al follicolo); anch'essa ha funzione di supporto e contiene sia vasi che nervi.

 

Peli e capelli »




ARTICOLI CORRELATI

Peli superfluiSopraccigliaIrsutismoPeli incarnitiFollicoliteCeretta ArabaEpilazione a Luce PulsataEpilazione LaserRimedi Follicolite - Depilazione CorrettaSopracciglia: Funzioni e MalattieTipi di FollicoliteCisti pilonidaleVirilizzazioneCause dell'irsutismoCerettaCosmetici depilatoriCreme depilatorieCrescita del peloCrescita di peli e capelliCurare l'irsutismoDecolorazione peliDiagnosi irsutismoElettrocagulazione elettrolisi depilazioneIpertricosi - Cause e SintomiIrsutismo ed ipertricosiIrsutismo: Cause e SintomiLanugo - Sintomi e cause di LanugoPeli e capelliRasaturaRasatura dei peli superflui
Ultima modifica dell'articolo: 08/11/2016
VEDI TUTTI


Ace London Shoreditch Hotel - Londra

ex. Crowne Plaza London - Shoreditch

100 Shoreditch High Street, Londra, Regno Unito, E1 6JQ  visualizzare la mappa  5 stars Aggiungi fotoScrivi una recensione 8.6 Superbo Basato su  121 Recensioni Ace London Shoreditch photos Exterior 8.6 Superbo Basato su  121 Recensioni ^

Ace London Shoreditch Hotel - Londra

Wi-Fi Parcheggio

Senza parcheggio

Deposito bagagli

Deposito bagagli

Spogliatoio

24 ore

Tardivo check-in

Check-in 24 ore su 24

Reception 24 ore su 24

Servizio in Camera 24 Ore

Sicurezza 24 ore

Cibo/ Bevande

Bar/ Lounge

Ristorante alla carta

Caffè/ tè nella hall

Сafè

Snack bar

Caffetteria

Fitness/ Palestra

Centro fitness

Centro benessere

Sauna

Lavanderia

Lavanderia self-service

Panoramica

Ace London Shoreditch Hotel è un hotel confortevole a 5 stelle con camere moderne a soli 20 minuti di cammino da Chiesa di Santo Stefano in Walbrook. Offrendo sistemazione nell'edificio di 7 piani, l'hotel combina l'architettura in stile minimalista e le comodità moderne.

Oxford Street è situato a 4.8 km. Teatri, musei e un palazzo si trovano nelle vicinanze.

Tranne un centro business, una sala conferenze e una fotocopiatrice in loco, si può beneficiare di banche nelle vicinanze.

A 10 minuti di cammino si trova la stazione ferroviaria Old Street. L'hotel è comodamente situato nelle vicinanze dell'aeroporto di Londra-City.

Camere

Questa struttura comprende 196 camere quali deluxe connecting king room, standard connecting double room e spacious corner king room con un minibar, TV satellitare, un impianto di climatizzazione, un salottino e poltrone. Le camere sono arredate con mobili contemporanei.

Cibo & Drink

Un ristorante di qualità primaria propone una cucina speciale. Gli ospiti sono invitati al bar Lobby per rilassarsi con un drink. The Shoreditch che offre cucina americana, caraibica, britannica e polinesiana si trova a 5 minuti di cammino.

Una colazione buffet è servita al prezzo di GBP 19.95 a persona per notte. 

Servizi

Gli ospiti potranno disporre di servizio in camera 24 ore, lavanderia e servizio stiratura nonché di un cambio valute, un parcheggio e un deposito bagagli.

Relax

Un centro benessere e una sauna sono disponibili nella struttura. L’hotel offre agli ospiti corsi di fitness e una palestra per mantenersi in forma.

Internet

Wi-Fi è disponibile nell’intero hotel ed è gratuito.

Parcheggio

Nessun parcheggio disponibile.

Il personale dell’hotel parla English, German, French, Spanish, Italiano, Dutch, Portuguese, Romanian, Polish, Greek, Russian, Arabic, Hindi.

Anno del rinnovo:   2007.  Numero dei piani:   7.  Numero delle stanze:   196.

Questo campo è obbligatorio. Indirizzo e-mail non definito  Aprire  Chiudere SCRIVI UNA RECENSIONE BREVE
Pessimo Eccellente
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Dai un punteggio a questo hotel
LA TUA IMPRESSIONE SULL’HOTEL

In generale

Pro

Contro

DATI PERSONALI Nome E-mail Cancellare Per fare in modo che la tua recensione venga presa in considerazione e pubblicata, ti preghiamo di leggere i nostri Termini e Condizioni.

Servizi & Comfort

Generale

Sport & Fitness

Servizi

Servizi per pasti

Spazi per riunioni

Servizi per bambini

Servizi relax

Servizi in camera

Bagno

Media

Arredo di camera

Condizioni

CHECK-IN / CHECK-OUT

Check-in dalle 14:00 GRATIS
Check-out alle 12:00 GRATIS

Letti supplementari e letti per bambini

un bambino
0-1 anno
Letti già presenti GRATIS
Il numero massimo consentito di lettini in camera è pari a 1. 

Animali domestici

Gli animali domestici sono ammessi su richiesta.
Indica la tua richiesta sulla pagina di prenotazione Contatti la struttura per sapere il prezzo esatto a persona per notte

Come raggiungere l'hotel

Ingrandire la mappa »

Indirizzo dell'hotel:

100 Shoreditch High Street, Londra, Regno Unito, E1 6JQ

Ottenere indicazioni Centro città Aeroporti Stazioni ferroviarie Stazioni metropolitana Ristoranti Informazioni sull'hotel

Hotel Award

UKHOTEL AWARDSHighly RecommendedLondraAce London Shoreditch

Secondo le recensioni dei clienti l'hotel è stato valutato come uno dei
Migliori hotel per famiglie in Regno Unito

Usa il badge

  • Hotel Londra
  • Hotel centrali
  • Resort
  • Hotel di lusso
  • Destinazioni popolari
  • Hotel Sarzana
  • Hotel a Parigi Per Famiglie
  • Hotel Sottomarina 3 Stelle
  • Oulu Hotel
  • Hotel di Lucca
  • Hotel in tutto il mondo
  • Hotel Savoia Abano
  • Hotel Umbria Perugia
  • Hotel Santa Tecla Acireale
  • Hotel Mioni Royal San Montegrotto Terme
  • Hotel Escorial Gran Canaria
  • Viest Hotel
  • Hotel Europa Ispra
  • Eden Hotel Cannes
  • Hotel Wagner
  • Grand Hotel Roi Rene Aix en Provence
  • Hotel Marina Cesenatico
  • Hotel Leonardi
  • Bcn Accommodation Barcellona
  • Hotel Vigo a Vigo di Fassa
  • Italy Prestige Hotel Sestri Levante
  • Bellavista Appartamento Venezia
  • Al Togo Vulcano
  • Hotel Perugia Etruscan Chocohotel Recensioni
  • Villa Dane Hvar
  • Room Mate Emma Barcellona

Camere e disponibilità

Ace London Shoreditch photos Room Standard Room Standard Room Ace London Shoreditch photos Room Standard Room Camera Matrimoniale Standard Descrizione della camera:

Standard|Standard + Breakfast

Camera King Ace London Shoreditch photos Room Deluxe Room Camera Matrimoniale Superior Deluxe Descrizione della camera:

A spacious room with two double beds, free wifi, oak table for dining or work, Rega turntable with a selection of vinyl, and Revo radio with Ace-curated radio stations. Also includes in-room safe and flatscreen TV, plus a well-stocked minibar.Our larger rooms are a great place for photoshoots, too.

Camera Quadrupla Superior Deluxe Descrizione della camera:

Superior Deluxe Double/Double Room. ROOM ONLY

Ace London Shoreditch photos Exterior Hotel information Camera Matrimoniale Superior Descrizione della camera:

Standard|Luxury Superior Room Shared Bed

Ace London Shoreditch photos Room Deluxe Room Camera Matrimoniale Deluxe Descrizione della camera:

Deluxe|Deluxe Room, 2 Double Beds

Deluxe Connecting King Room Descrizione della camera:

1 king bed344 sq feet (32 sq meters)Layout - Separate sitting areaEntertainment - Free WiFi, 32-inch LED TV with premium channelsFood & Drink - Coffee/tea maker, minibar, and 24-hour room serviceSleep - Blackout drapes/curtains Bathroom - Private bathroom, shower/tub combination, bathrobes, and free toiletriesPractical - Free local calls, safe, and iron/ironing board; cribs/infant beds available on requestComfort - Air conditioning and daily housekeepingNon-SmokingConnecting/adjoining rooms can be requested, subject to availability

Camera Spaziosa con Una Camera da Letto Spacious King Room