CARILLAS: SONRISAS DE HOLLYWOOD POR MUY POCO DINERO | El blog de Cristina Tárrega goose poco costoso

CARILLAS: SONRISAS DE HOLLYWOOD POR MUY POCO DINERO

Hace unos días vimos uno de los desfiles de sonrisas más perfectas que se pueden ver a lo largo del año: los Oscars. La alfombra roja se llenó de glamour y de dentaduras perfectamente cuidadas, de dientes blancos y de bocas maravillosas. Todas juntas. ¿Acaso viste a alguien que se tapara la boca para sonreír? Yo no.

Seguro que siempre habéis pensado que esas sonrisas solo se fabrican en Hollywood, que solo cuando eres un actor o un presentador súper famoso puedes permitirte tener unos dientes a la altura, que la sonrisa de Penélope Cruz o de Tom Cruise ya venían de serie. Que Jessica Alba se gastó una fortuna que tú no tienes y, por lo tanto, nunca podrás tener una sonrisa así de sexy.dientes-1

Es probable que Demy Moore o Luis Miguel invirtieran en sus dientes lo que para muchos suponga el sueldo de medio año. O que veas que estás a años luz de tener una sonrisa como la que últimamente Miley Cyrus no para de enseñar.

Pues no. Hoy vengo a contarte que tener una sonrisa como la que tienen las celebrities no es complicado y, sobre todo, no es tan caro como puedes pensar. Y todo gracias a una doctora de esas fantásticas con las que te encuentras una vez en la vida.

Se llama Patricia Peña y se ha convertido en la salvación de cientos de personas que habían dado su boca por perdida porque tenían rota o descolocada alguna pieza dental, porque el color de su dentadura era terrible o porque tenían algunos dientes rotos.

Mientras que las celebrities se gastan fortunas en ponerse carillas, esta dentista hace exactamente lo mismo que los dentistas de esos famosos a un precio que está más que al alcance de cualquier bolsillo.

¿Conoces las carillas Da Vinci? Seguro que alguna vez has oído hablar de este sistema que muchas celebrities del otro lado del charco se han colocado por un precio de aproximadamente 1.000 euros la carilla de cada pieza. Imagina lo que podría costarte arreglarte la boca, aunque solo fueran tres o cuatro piezas…

Con Patricia Peña tenemos la suerte de poder lucir la misma sonrisa hollywoodiense, pero muchísimo más barata. “Hoy por hoy, todos queremos tener una sonrisa perfecta porque nos proporciona seguridad y autoconfianza”, dice la doctora. Y tiene toda la razón. No hay nada que acompleje más que tener que taparnos la boca al sonreír.

Por eso, ella recomienda las carillas como una de las mejores soluciones no agresivas de la estética dental. “Se utilizan para enmascarar anomalías de color, tamaño y forma del diente. Cada paciente tiene un rostro y proporciones faciales diferentes que llevan al profesional a diseñar cada caso porque los hay completamente diferentes”, explica la doctora Peña.Nicolas Cage

Existen dos tipos diferentes de carillas, las de composite y las de porcelana. “A mí personalmente me encantan y son más económicas. Son menos agresivas para el diente. Se aplica el composite directamente sobre el diente hasta conseguir la estética que queremos”, dice la odontóloga. “En cuanto a las de porcelana, consiste en aplicar una fina lámina de cerámica sobre el diente y se necesitan mínimo dos sesiones largas de consulta, una para realizar pequeños diseños en el diente natural, tomar el color y colocar las provisonales y una segunda para colocar las carillas meticulosamente, porque del cementado depende el éxito de la carilla”.

Para ambas se necesita de mucha formación profesional y de una destreza casi mágica, porque un error de milímetros puede dar lugar a un resultado espantoso, a carillas mal colocadas, levantadas, que estéticamente no encajan con el resto de los dientes…

Pero, ahora viene lo mejor: el precio. Las de composite cuestan unos 200 euros por pieza, la mitad que las de porcelana, que están en unos 400 aproximadamente. Un precio muy alejado del que pagan los famosos por sus dientes “de lujo”.

“En España está muy establecida la odontología de guerrilla, por un lado, o la otra esa tan cara en la que casi tienes que pagar por entrar a la consulta”. La frase de la doctora Peña define a la perfección su filosofía, esa en la que el precio medio en relación con la profesionalidad es lo que realmente atrapa al cliente. Ni ofertas maravillosas de centros donde lo único que quieren es atraer pacientes a cambio de un mal servicio, pero barato, ni clínicas a todo lujo donde ya solo por entrar tienes un recargo de un 20%.

La doctora Peña, que mira muy de cerca las sonrisas de los famosos desde los ojos más profesionales, tiene también su pequeña crítica para algunas de ellas: “las de Penélope Cruz, por ejemplo, son demasiado grandes y demasiado blancas. Tanto, que a veces se ven hasta azules. Tampoco son perfectas las de Tom Cruise. Si observamos de cerca, tiene un diente más largo que otro a nivel de encías. Rosa “de España” también tenía los dientes muy mal colocados y muy pequeños en OT”.penelope-cruz-6-65298

Menos mal que de vez en cuando conozco a profesionales como Patricia Peña que me hacen pensar que existe gente que no quiere hacerse rica a base de mejorar la autoestima de los pacientes. Me gustan estos médicos. Me gusta la gente como ella. A partir de ahora, ya sabéis: cualquiera puede lucir una sonrisa de Hollywood, pero por un precio muy al alcance de la mano.  Y podéis hacerlo aquí: www.clinicadentalpatriciap.es

¡Hasta el próximo post!

 

4 comentarios sobre
“CARILLAS: SONRISAS DE HOLLYWOOD POR MUY POCO DINERO”
  • Antonio dice:

    Muy buen artículo!

    No conocía las carillas Da Vinci. Creo que las más parecidas son las carillas Lumineers, que se usan más en España.

    No sé en qué se diferencian con las Da Vinci, pero las Lumineers son de porcelana extrafina que no necesita tallado dental, aunque también son más caras, (unos 600€ aprox.).

    Está bien saber que hay otras marcas.

    Un saludo!!

    Responder
  • carillas dentales dice:

    las carillas da vinci son americanas, en europa las lumineers creo que se fabrican en suiza o italia

    Responder
  • Ana dice:

    Yo personalmente prefiero las emax, ya que son de porcelana pero su resultado es más natural. El aspecto no es tan “hollywoodense” como el de las Lumineers, que para mí quedan “falsas”.

    http://www.clinicaferrusbratos.com/carillas-ivoclar-ips-emax/

    Responder
  • Melisa dice:

    Muy buen artículo.
    La verdad es que si ves fotos en internet del antes y después de nuestra Rosa “de España”, la verdad es que los resultados son espectaculares.
    Es una suerte que nuestro País cuente con profesionales de la talla de Patricia Peña, y que además nos ofrezca lo que en un principio nos parecería inalcanzable económicamente hablando, una sonrisa al mas puro estilo Hollywood.

    Responder

Deja un comentario

Cancelar respuesta

goose poco costoso

canada goose hinta
canadá ganso usa
venda de ganso de canada
TripAdvisorRoma Consiglio: puoi vedere tutti i luoghi salvati in I miei viaggi.REGISTRATITripAdvisorAccedi Iscriviti Altro
    Centro Assistenza

    Trattoria Vecchia Roma

    Trattoria Vecchia Roma

    5.153 Recensioni N. 204 di 10.059 Ristoranti a Roma}
    €€ - €€€Italiana, Per vegetariani, Opzioni veganeVia Ferruccio, 12B/C, 00185 Roma, Italia+ Aggiungi numero di telefono
    Sito web
    Salva
    Tutte le foto (1.583) Vista completa Certificato di Eccellenza Che cos'è il Certificato di Eccellenza? TripAdvisor attribuisce un Certificato di Eccellenza agli alloggi, alle attrazioni e ai ristoranti che ottengono sempre recensioni molto positive da parte dei viaggiatori.
    • Panoramica
    • Recensioni
    • Ubicazione
    • Domande e risposte
    • Dettagli
    Mostra anche Hotel Ristoranti Cose da fare Quartieri Mostra anche MappaSatellite Gli aggiornamenti della mappa sono stati sospesi. Ingrandisci per vedere informazioni aggiornate. Reimposta lo zoom Aggiornamento della mappa in corso... Quartieri
    Quartieri Torna alla mappa
    Dettagli
    4,5
    5.153 recensioni
    • Eccellente59%
    • Molto buono30%
    • Nella media7%
    • Scarso2%
    • Pessimo2%
    Ora chiusolun - sab12:00 - 15:0019:00 - 23:00Tutti gli orari
    CUCINE Italiana, Per vegetariani, Opzioni vegane, Opzioni senza glutine PREZZO €€ - €€€PUNTEGGI ServizioCucinaQualità/prezzoAtmosferaLOCALITÀ Via Ferruccio, 12B/C, 00185 Roma, ItaliaTutti i dettagli Migliorate questo profilo
    I prezzi di questo ristorante sono di fascia media/contenuti? No Non so Questo locale accetta carte di credito? No Non so
    Scrivi una recensione
    Recensioni (5.153)

    1 - 10 di 4.154 recensioni

    Martina B101
    Recensito ieri tramite dispositivo mobile pranzo ×4

    siamo stati qui a pranzo, il locale era pieno ma ci hanno trovato subito un posto a sedere e siamo stati accolti calorosamente! non abbiamo aspettato più della cottura della pasta. perfetto per un pranzo sia veloce che lento!

    Recensione raccolta in collaborazione con ASUS 6 Stub App Smartphone Questa struttura utilizza gli strumenti forniti da TripAdvisor (o da uno dei suoi partner ufficiali per la raccolta delle recensioni) per incoraggiare e raccogliere le recensioni dei propri ospiti, compresa questa.
    Grazie, Martina B
    Un membro di TripAdvisorRoma, Italia2
    Recensito ieri tramite dispositivo mobile Grazie Alessandro,e a tutti

    In 11 anni a Roma,pur a lavorare in questo mestiere,ma mai visto un ristorante romano vero quanto questo ristorante. Il cibo e buonissimo,e il cameriere (Alessandro) e un ragazzo molto simpatico e gentile,e ci ha fatto passare un tempo meraviglioso,e adesso è il mio posto...Più

    Grazie, Un membro di TripAdvisor
    Principe29Bologna2030
    Recensito ieri Locale caratteristico e piatti tradizionali

    Cortesia e ironia del personale oltre a piatti della tradizione romana. Si consiglia di arrivare puntuali. Buon rapporto qualità/prezzo

    Grazie, Principe29
    Indeciso895539
    Recensito ieri sapori romani

    Tipica trattoria romana, con menù ricco di piatti tipici della capitale. Ho assaggiato una amatriciana buonissima. Anche gli antipasti sono ottimi e i prezzi davvero contenuti. Unica nota negativa è l'ubicazione del locale, distante rispetto al centro città e isolato di sera.

    Grazie, Indeciso89
    PadovaMaxPadova12546
    Recensito 2 giorni fa Ottima amatriciana

    Locale molto grande e un po’ caotico ma il personale simpatico e accogliente ti fa sentire subito ben accetto. Amatriciana flambé superlativa. Buoni contorni, altro non sono riuscito ad assaggiare grazie alle generose porzioni. Prezzi buoni. Sempre molto affollato con difficoltà anche a prenotare.

    Grazie, PadovaMax
    ottovandelliVeneto, Italia112
    Recensito 3 giorni fa Ah la pasta!!!

    Ci sono due volte, due sera di fila per la cacio e pepe e il giono dopo per l'amatriciana; abitassi a Roma ci metterei il tavolo fisso a pensione. Cordialità e simpatia e indolenza romana sono il valore aggiunto.

    Grazie, ottovandelli
    Alessandro B1
    Recensito 5 giorni fa tramite dispositivo mobile Amatriciana buonissima

    Bel locale si mangia benissimo, anche la "cacio e pepe" merita.. Un po' difficile prenotare (non risponde al telefono) ma ci siamo seduti anche senza prenotazione, ci tornerei sicuramente.

    Grazie, Alessandro B
    danbonny7Roma, Italia16621
    Recensito 5 giorni fa tramite dispositivo mobile Amatriciana da Oscar

    L'amatriciana vale da sola il prezzo del biglietto, come si dice negli spettacoli. È vero che il servizio non è rapidissimo ma il locale è sempre tutto esaurito (almeno a cena) e la simpatia dei camerieri riesce a non farti arrabbiare. Ottime le altre specialità...Più

    Grazie, danbonny7
    Alessandro C3121
    Recensito 5 giorni fa tramite dispositivo mobile Buona cucina e cordialità.

    Osteria senza pretese porzioni enormi tanta cordialità. Pasta con la Pajata 4/5 buona ma porzione enorme. La Pajata sazia quasi subito inutile portarne 2 kg! Pasta con le melanzane alla parmigiana 5/5. Superlativa. Il sugo è gustosissimo. Le melanzane cotte bene e lo spaghetto ci...Più

    Grazie, Alessandro C
    Jelena T53
    Recensito 6 giorni fa tramite dispositivo mobile Eccezionale

    Il posto meraviglioso dove si mangia benissimo. Assolutamente da assaggiare le loro paste (carbonara e amatriciana). Bisogna comunque prenotare perché sempre pieno di gente. I prezzi sono buonissimi! Lo consiglio a tutti!

    1  Grazie, Jelena T
    IndietroAvanti123456416
    Aggiornamento elenco in corso…
    In zona Esquilino Un'atmosfera di vecchio stampo è l'unico modo per
    descrivere il quartiere Esquilino,che è orgoglioso di
    essere una delle più vecchie aree di Roma per la sua
    posizione chiave su uno dei famosi sette colli della
    città.Da antico quartiere alla moderna incarnazione di
    cuore multiculturale della città, all'Esquilino c'è
    sempre qualcosa che bolle in pentola: commercianti
    poliglotti discutono con gli artisti di strada mentre...Leggi di piùi bambini giocano a palla in strada.Guardati
    intorno:quest'area non assomiglia al centro
    storico.Architettura liberty, grandi piazze e lunghi
    viali si mescolano ad archi arcaici, vicoletti segreti
    e bellissime chiese come Santa Maria Maggiore.Meno
    Ristoranti nelle vicinanze
    Machiavelli's Club
    828 recensioni A 0,14 km
    Ornelli Ristorante Caffè
    206 recensioni A 0,13 km
    Forno Roscioli Pietro
    558 recensioni A 0,06 km
    Attrazioni nelle vicinanze
    Teatro Brancaccio
    110 recensioni A 0,13 km
    Palazzo Brancaccio
    122 recensioni A 0,22 km
    Museo Nazionale d'Arte Orientale "Giuseppe Tucci"
    83 recensioni A 0,18 km
    Chiesa di Sant'Alfonso all'Esquilino
    41 recensioni A 0,3 km
    Fai una domandaDomande e risposteVedi tutte le 60 domande
    jmax67Vorrei prenotare perla sera del 16 novembre ore 19:00 circa. Continuo a telefonare ma risulta sempre occupato, sul sito Internet non vedo possibilità di prenotazione. Cosa posso fare per mettermi in contatto con voi ?11 novembre 2017|RispostaMostra 3 risposte Sei sicuro di voler eliminare questa domanda? Risposta da gennaratiamo | Ha recensito questa struttura |Cercare di chiamare più la Mattina perché sono sempre molto occupati Sei sicuro di voler eliminare questa risposta?
    BlondetheorySe non riuscissi a prenotare, e mi presentassi direttamente ad orario di apertura lì fuori, c'è la possibilità di entrare e mangiare ?10 novembre 2017|RispostaMostra 4 risposte Sei sicuro di voler eliminare questa domanda? Risposta da Dante B | Ha recensito questa struttura |Si, noi ci siamo seduti senza prenotazione.Sei sicuro di voler eliminare questa risposta?
    IndietroAvanti12

    Douglas A-4 Skyhawk

    Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
    Vai a: navigazione, ricerca
    Douglas A-4 Skyhawk
    A-4F VA-127 1975.JPEG
    Un A-4F Skyhawk, appartenente al VF-127 Cyclons della US Navy, in volo; 21 luglio 1975.
    Descrizione
    Tipo attacco al suolo
    Equipaggio 1 pilota
    Progettista Edward H. Heinemann
    Costruttore Stati Uniti Douglas
    Stati Uniti McDonnell Douglas
    Data primo volo 22 giugno 1954
    Data entrata in servizio ottobre 1956
    Data ritiro dal servizio 1998 (USMC)
    2003 (USN)
    Utilizzatore principale Stati Uniti US Navy
    Altri utilizzatori Stati Uniti USMC
    Argentina FAA
    Brasile MdB
    altri
    Esemplari 2 960
    Costo unitario 860 000 US$ (1959)
    Altre varianti A-4AR Fightinghawk
    A-4SU Super Skyhawk
    Dimensioni e pesi
    Douglas A-4E Skyhawk.svg
    Tavole prospettiche
    Lunghezza 12,22 m (40 ft 3 in)
    Apertura alare 8,38 m (26 ft 6 in)
    Altezza 4,57 m (15 ft)
    Superficie alare 24,15 m² (259 ft²)
    Peso a vuoto 4 750 kg (10 450 lb)
    Peso carico 8 318 kg (18 300 lb)
    Peso max al decollo 11 136 kg (24 500 lb)
    Propulsione
    Motore 1 turbogetto
    Pratt & Whitney J52-P8A
    Spinta 41 kN
    Prestazioni
    Velocità max 0,95 Ma
    (1 171 km/h in quota)
    Velocità di salita 43 m/s
    Autonomia 3 220 km
    Raggio di azione 1 158 km
    Tangenza 12 880 m
    Armamento
    Cannoni 2 Mk 12 da 20 mm
    Bombe caduta libera:
    Mk 82 da 500 lb
    Mk 83 da 1000 lb
    Mk 84 da 2000 lb
    a grappolo:
    Mk 20 Rockeye II
    nucleari:
    B57
    B61
    Missili aria aria:
    4 AIM-9 Sidewinder
    aria superficie:
    2 AGM-12 Bullpup
    2 AGM-45 Shrike
    2 AGM-62 Walleye
    2 AGM-65 Maverick
    Piloni 4 sub-alari
    1 sotto la fusoliera
    Note dati relativi alla versione:
    A-4F

    i dati sono tratti da:
    Global Security[1]

    voci di aerei militari presenti su Wikipedia

    Il Douglas A-4 Skyhawk ("falco del cielo" in inglese) è un aereo da attacco leggero di costruzione statunitense, in grado di decollare anche dalle portaerei in virtù della propria leggerezza. Il progetto iniziale era della Douglas Aircraft Company, poi passò in mano alla McDonnell Douglas (oggi Boeing).

    Ha avuto una carriera operativa molto lunga, considerando che ha volato per la prima volta il 22 giugno 1954 e che alcuni esemplari hanno preso parte alla Prima Guerra del Golfo in forza all'aviazione del Kuwait.

    Lo Skyhawk è stato prodotto in quasi 3.000 esemplari fino al 1979, quando la produzione venne terminata. Attualmente è impiegato ancora in paesi come Brasile e Argentina. Nell'aeronautica argentina sono stati pesantemente aggiornati con i motori F404 e radar APG-66. L'Argentina avrebbe voluto gli F-16, ma gli A-4M, già molto più moderni dei precedenti B,C, e Q, ulteriormente aggiornati con radar moderni (proprio l'APG-66), li ha resi molto appetibili per la sostituzione degli ultimi A-4 di due generazioni antecedenti.

    Indice

    • 1 Storia del progetto
    • 2 Tecnica
    • 3 Impiego operativo
      • 3.1 Argentina
      • 3.2 Israele
      • 3.3 Kuwait
      • 3.4 Stati Uniti
      • 3.5 Brasile
    • 4 Versioni
    • 5 Utilizzatori
    • 6 Ex Utilizzatori
    • 7 L'A-4 Skyhawk nella cultura di massa
      • 7.1 Film
    • 8 Note
    • 9 Voci correlate
    • 10 Altri progetti

    Storia del progetto[modifica | modifica wikitesto]

    Lo Skyhawk è stato inizialmente progettato, sviluppato e costruito dalla Douglas Aircraft Company attorno al 1950. Il capo progettista era Ed Heinemann, famoso progettista della Douglas. Era inteso come rimpiazzo dell'A-1 Skyraider ad elica, aereo altrettanto di successo e che avrebbe avuto una vita operativa come macchina da attacco controguerriglia ancora per decenni.

    Inizialmente conosciuto come A4D secondo la vecchia nomenclatura della US Navy (ovvero il quarto aereo d'attacco prodotto dalla Douglas), era un minuscolo apparecchio a corto raggio d'azione, eppure pensato per portare pesanti carichi, anche armi nucleari, decollando dalle portaerei americane.

    Viste poi le difficoltà economiche, la Douglas si fuse con la McDonnell Aircraft Corporation nel 1967, formando la McDonnell Douglas.

    Tecnica[modifica | modifica wikitesto]

    Monoplano metallico a reazione, con un unico turbogetto in coda, lo Skyhawk era dotato di una tozza ala a delta a larga corda, tanto da essere non necessario applicare cerniere per ripiegarla quando parcheggiato sulle portaerei.

    Apparecchio davvero minuscolo in ogni dettaglio, aveva un muso piccolo, un abitacolo stretto e un radar solamente telemetrico sistemato dietro un cupolino dielettrico, due piccole prese d'aria fisse ma dotate di paretine per la separazione dello strato limite, posizionate nella parte alta della fusoliera, appena sopra le ali a delta, che sono in posizione bassa. Anche i piani di coda erano a delta, con una posizione sulla coda, poco sopra la fusoliera. La vela verticale era leggermente a freccia, anche se in pianta era sostanzialmente a delta.

    Sotto al motore, un turbogetto assiale, con circa 3.000 litri di carburante a disposizione e 1-3 serbatoi eventualmente trasportabili (oltre alla possibilità di rifornimento in volo), vi era un gancio per intercettare i cavi sistemati sul ponte delle portaerei.

    Il carrello d'atterraggio era sistemato nelle ali e sotto il muso, con delle gambe molto alte, tanto che consentiva il trasporto di pesanti carichi esterni, inclusi agganci multipli per bombe e razzi. Nella linea di mezzeria era presente una rastrelliera per un massimo di 6 armi, con due triplette in tandem di bombe Mk 82 da 500 libbre, 227 kg nominali. Carichi simili erano possibili sotto le ali, nei punti d'aggancio interni, per un totale di 2-4 tonnellate. Dopo le prime serie, dalla versione E sono apparsi altri 2 punti d'aggancio alari, esterni a quelli originariamente installati nella semiala interna. L'armamento di base era di due cannoni Mk 12 da 20 mm, per un totale di circa 400 colpi, alla radice alare, sotto le prese d'aria e dotate di una paratia di protezione per il resto della fusoliera.[2]

    Impiego operativo[modifica | modifica wikitesto]

    Argentina[modifica | modifica wikitesto]

    Durante la guerra delle Falkland una quarantina di A-4B e C, residuati di 75 esemplari forniti circa 15 anni prima, e una dozzina di Q sia dell'Aeronautica, sia della Marina argentina attaccarono la flotta britannica e talvolta le truppe al suolo, come durante la Battaglia di Goose Green.

    Addirittura si corse il rischio di uno scontro tra portaerei quando all'inizio della campagna inglese di riconquista la portaerei Veinticinco de Mayo argentina, ex britannica della classe Colossus, arrivò ad un passo dal lanciare 8 A-4Q contro la flotta britannica, scortati da altri 2 aerei armati di missili AIM-9B Sidewinder . Ma le catapulte della portaerei erano in pessimo stato e ciò, unito alla mancanza di sufficiente vento, fece annullare l'ordine di lancio per le macchine, giudicate troppo pesanti per un decollo in sicurezza (ancora oggi le portaerei sono solite mettere la prua al vento quando si tratta di lanciare aerei al massimo carico).

    Almeno 19 aerei dell'Aeronautica vennero persi oltre a 3 della Marina, ma i loro attacchi diedero buoni risultati provocando gli affondamenti delle fregate Antelope e Ardent, del cacciatorpediniere Coventry e della nave da sbarco logistica Sir Galahad. Molte altre navi vennero danneggiate, e spesso solo la mancata esplosione delle bombe le salvò. Le bombe non esplodevano perché venivano sganciate con gli aerei talmente bassi e veloci che la spoletta non aveva il tempo di azionarsi, ritardata da un meccanismo ad elica necessitante di 19 giri e 1/2 per attivarsi, salvando l'aereo dalle schegge della propria arma in caso di sganci a bassa quota. Ma questo significava spesso colpi a segno sulle navi senza esplosione successiva. I piloti argentini di Skyhawk combatterono con grande coraggio e stoicismo, sopportando tutte le minacce della difesa britannica. Almeno 150 missioni vennero volate dagli A-4 della Marina argentina, i più efficaci in quanto i piloti erano specificamente addestrati agli attacchi antinave.

    La prima azione degna di nota venne eseguita da 8 aerei contro la fregata Type 22 Brilliant e il cacciatorpediniere Type 42 Glasgow. I primi 4 vennero respinti dall'azione della Brilliant, che con i missili Seawolf abbatté 2 aerei a pelo d'acqua, e un terzo, per evitare un missile, finì in acqua. Con l'allontanamento dell'ultimo aereo, ne arrivarono altri 4, ma stavolta, come sarebbe stato con la Broadsword (assieme al Coventry), il computer di tiro si bloccò nel momento decisivo, e gli argentini riuscirono a passare le difese antiaeree, deboli a bassa quota e a distanza ridotta, del Glasgow (per questo i Type 42 operavano con le Type 22), e lo colpirono con una bomba che, pur non esplodendo, sfondò le murate del vascello e lo costrinse a ritirarsi dalle operazioni per la falla causata (con le condizioni di mare dell'Atlantico del Sud era il minimo). Così l'attacco, sebbene molto costoso (in quest'azione i Seawolf abbatterono quasi tutti gli aerei che poterono distruggere fino alla fine del conflitto), riuscì a mettere KO un'importante nave britannica.

    Il 22 maggio attaccarono pesantemente le navi inglesi a San Carlos, subendo perdite e causando danni alle navi britanniche, come nel caso della fregata Ardent, che affondò in serata, ma che fu attaccata, pare, anche da altri aerei argentini oltre che dagli Skyhawks. Comunque la perdita di numerosi aerei comportò un giorno di pausa assoluta in cui entrambi gli schieramenti ne approfittarono per riprendersi dai danni subiti.

    Il giorno 24 maggio venne portata un'altra serie di attacchi, con l'affondamento della Antelope, anch'essa della classe Type 21, tramite 2 bombe da 454 kg che la colpirono in pieno, ma che rimasero inesplose per la troppo ridotta quota di sgancio, non sufficiente per l'armamento della spoletta[3].
    Ma il tentativo di disinnesco di una di queste fallì e l'esplosione uccise un artificiere britannico, ferendone un altro. La nave si ritrovò con un immenso cratere tra la linea di galleggiamento e il fumaiolo. Le fiamme raggiunsero i depositi delle munizioni e ne scaturì una tremenda esplosione, che a suo tempo fece il giro del mondo nelle immagini trasmesse dalle televisioni. La nave affondò spezzata in 2 tronconi il giorno dopo[4].

    Un A-4 della marina brasiliana

    Il 25 maggio, come ci si attendeva per via del fatto che la giornata era la festa nazionale dell'Argentina, venne fatto uno sforzo considerevole da parte dei reparti aerei nemici che in forze attaccarono la flotta britannica. Una forza navale britannica venne schierata per tentare di sorprendere i jet argentini prima che si abbassassero per portare gli attacchi alle navi. Ma non funzionò, proprio come accadde alla coppia Glasgow/Brilliant. 4 Skyhawk attaccarono a bassissima quota le navi inglesi, ma vennero avvistati dal radar di scoperta aerea del cacciatorpediniere Coventry (Classe Type 42 ). Questa però fu l'unica cosa che funzionò nel piano britannico. Infatti, al momento di sparare i missili contro gli attaccanti, i radar di tiro non ne vollero sapere di funzionare, fallendo l'aggancio sui cacciabombardieri.

    Il Coventry aveva la possibilità di essere coperto dai missili Seawolf della Broadsword, fregata Type 22 che aveva il compito di difendere la compagna armata dei Sea Dart a lungo raggio[5]. Invece, prima avvenne una avaria dovuta al mancato riscaldamento dei circuiti del calcolatore, che nel gelo del Sud Atlantico spesso non riusciva a partire senza essere attivato con un certo anticipo, e quando questo avrebbe potuto sparare i missili, si dovette interrompere la procedura a causa del frapporsi del Coventry tra la fregata e gli aerei poi, per via di un'accostata a destra. Il cacciatorpediniere britannico a quel punto non poteva né difendersi né essere difeso, ma lanciò un Sea Dart senza controllo, per provare a spaventare gli attaccanti. Non avendo il suo cannone da 114mm Mk 8 un radar di tiro esso era virtualmente inutile contro gli aeroplani, tanto che si rinunciò anche ad impiegarlo, così rimasero solo 2 mitragliere da 20mm Oerlikon, poco più che residuati della seconda guerra mondiale. Tutto fu vano, e la manovra di scampo servì solo a togliere l'orizzonte di tiro alla Broadsword, oltre che mostrare il fianco: centrato da 3 bombe, forse da 454 kg l'una, si ritrovò una fiancata devastata e affondò in 45 minuti con la perdita di 20 marinai dell'equipaggio.

    Il 30 maggio, si verificò l'ultimo attacco contro la flotta britannica d'alto mare. 4 A-4 volarono verso le portaerei assieme ad un Super Etendard con l'ultimo Exocet. 2 aerei su 4 vennero abbattuti dai missili Sea Dart mentre volavano sotto gli 11 metri di quota, il missile venne, a quanto dicono i britannici (la cosa venne contestata dagli argentini), abbattuto da una cannonata di una fregata Type 21, l'Avenger (nome molto indicativo considerando che era consorella delle fregate affondate), che rivendicò anche uno dei cacciabombardieri. I missili Sea Dart non avrebbero dovuto colpire aerei sotto i 30 metri di quota, ma in quel caso accadde che essi funzionarono al di là delle aspettative, rimediando parzialmente alle catastrofiche esperienze precedenti.

    L'ultimo attacco, l'8 giugno, vide l'affondamento della nave da sbarco logistica Sir Galahad e la quasi demolizione della Sir Tristan, in quella che è rimasta considerata come la 'tragedia di Bluff Cove', dal nome della località in cui le navi britanniche stavano conducendo l'operazione di sbarco. GLi A-4 affondarono anche un mezzo da sbarco, ma subirono la caccia spietata di una furibonda coppia di Sea Harrier britannici che si misero, dopo aver assistito alla scena sorpresi e impotenti, alla loro caccia. Sopra la cresta delle onde e a velocità elevatissime, abbatterono con i missili Aim-9L Sidewinder, 3 aerei su 4.

    Negli ultimi anni, le macchine superstiti sono state aggiornate con missili e armi varie, ma la loro sostituzione si è verificata con la fornitura di circa 40 A-4R, cacciabombardieri multiruolo dotati di molti aggiornamenti. Già si trattava di macchine del tipo M, dei Marines, scelte tra le più efficienti di quelle messe in riserva dopo la sostituzione con gli AV-8B. Le macchine hanno avuto aggiornamenti importanti, con elettronica rinnovata e addirittura il radar APG-66 dell'F-16 nel muso, come già accaduto con gli A-4 della Nuova Zelanda. Originariamente si pensava agli F-16 di seconda mano, ma i costi vennero giudicati eccessivi e così si scelsero gli A-4R con una dotazione avionica simile a quella del Fighting Falcon.[6]

    Israele[modifica | modifica wikitesto]

    Un A-4N della base aerea di Hatzerim

    I primi A-4 arrivarono nei tardi anni '60, a seguito della diversa politica degli USA verso Israele: questo accadde dopo la guerra del 1967, nonostante l'episodio della Liberty, nave americana attaccata dagli aerei israeliani e gravemente danneggiata. Gli aerei vennero usati durante la Guerra d'Attrito contro l'Egitto, nel 1969-71.

    Ai tempi della guerra del Kippur, grazie alle forniture massicce americane post-1967, decine di A-4 vennero impiegati e perduti nei primi giorni di guerra, danneggiando pesantemente la linea di circa 150 aerei iniziali. I primi due aerei abbattuti nel Sinai erano A-4. Almeno 80 vennero prontamente forniti dagli USA in rimpiazzo. Per fortuna, gli A-4 avevano tubi di scarico allungati per limitare i danni dei missili portatili SA-7 Grail, incontrati nella precedente guerra d'attrito. Molti A-4 furono tenuti in riserva o utilizzati come addestratori pre operativi fino alla loro definitiva radiazione avvenuta il 15 dicembre 2015. Anche questo aereo ha messo in evidenza l'ingegnosità degli israeliani, i quali sostituirono i cannoni Colt Mk.12 da 20 mm con i cannoni DEFA da 30 mm smontati dai Mirage III radiati.[7]

    Kuwait[modifica | modifica wikitesto]

    Alcuni aerei del Kuwait vennero usati per contrattaccare le truppe di invasione irachene, nell'agosto 1990, resistendo per 2 giorni e operando anche da autostrade; si rifugiarono poi in Arabia Saudita. Tornarono in azione assieme agli alleati durante l'Operazione Desert Storm, subendo una sola perdita a causa della contraerea.[8]

    Stati Uniti[modifica | modifica wikitesto]

    Largamente impiegato in Vietnam e nel Medio Oriente, durante la guerra del Kippur, alle Falkland e infine nel Golfo, 1991. Alcuni sono ancora in servizio, ma difficilmente entreranno ancora in azione in guerre reali.

    Ai tempi del Vietnam, la macchina entrò subito in azione, dopo l'incidente del Golfo del Tonchino. Moltissime missioni vennero volate sia da parte della Marina che dal Corpo dei Marines, ma verso la fine del conflitto l'US Navy lo stava sostituendo con l'A-7 Corsair II.

    Un A-4 statunitense in decollo da una portaerei.

    Gli Skyhawk causarono molti danni, ma subirono anche molte perdite. Tuttavia ottennero anche una vittoria aerea, abbattendo un MiG-17 addirittura con razzi Zuni da 127 mm.

    Grazie alla sua grande maneggevolezza l'A-4 venne usato anche come aggressor della scuola Top Gun, specialmente nei modelli alleggeriti e potenziati, capaci di ratei di rollio, si dice, di 720 gradi al secondo, e di una tale maneggevolezza che anche gli F-14 Tomcat venivano spesso battuti negli scontri aerei simulati.[9]

    Gli A-4M furono gli ultimi impiegati da reparti di prima linea, era la versione specifica per i Marines, dotata di molti aggiornamenti ed avionica molto potenziata.[10]

    Brasile[modifica | modifica wikitesto]

    L'aviazione navale brasiliana ha acquisito negli anni 14 velivoli (11 AF-1 e 3 AF-1A). Di questi 12 sono in ammodernamento nella versione AF-1B.

    Versioni[modifica | modifica wikitesto]

    Un A-4 dei Marines esposto nel Pacific Coast Air Museum, California.
    A-4 skyhawk A/B/C
    A-4 skyhawk E/F/M

    Vista la longevità dell'aeroplano, ne sono state prodotte molte versioni (seguono disposte cronologicamente):

    XA4D-1 e YA4D-1
    rispettivamente i prototipi e gli aerei di preserie.
    A4D-1 (A-4A)
    la versione di base motorizzata J65-W-4.
    A4D-2 (A-4B)
    seconda versione, con sonda per rifornimento in volo (26 marzo 1956)
    A4D-2N (A4-C)
    aggiunto radar prodiero Westinghouse AN/PNG-53A, con limitate capacità di attacco ognitempo; si riconosceva dal precedente dal muso allungato.
    A4D-3
    A4D-4
    A4D-5 (A-4E)
    aggiunti due piloni alari, radar Doppler, TACAN (12 luglio 1961)
    A-4F
    (31 agosto 1966)
    A-4G
    A-4E destinati alla Royal Australian Navy (19 luglio 1967)
    A-4H
    destinati alla forza aerea israeliana, Heyl Ha'Avir (27 ottobre 1967)
    A-4K
    per la Royal New Zealand Air Force (10 novembre 1970)
    A-4KU
    A-4M per la Al-Quwwat al-Jawwiyya al-Kuwaytiyya.
    A-4L
    A-4M Skyhawk II
    versione appositamente prodotta per l'aviazione del Corpo dei Marines, l'ultima prodotta con macchine di nuova costruzione. Avionica rinnovata, addirittura venne trovato lo spazio per un apparato ECM interno, mentre il muso aveva numerose antenne elettroniche come quella radar, del RWR e delle emittenti ECM
    A-4N Skyhawk II
    A-4P
    A-4Q
    simile alla versione E
    A-4Y
    A-4S
    A-4R Fightinghawk
    versione specificatamente prodotta per l'aviazione Argentina (FAA), per conversione di velivoli della precedente versione M. Avionica rinnovata, con importanti modifiche quali l'introduzione del RADAR ARG1 (derivato dall'APG-66 dell'F16), e numerose importanti modifiche all'elettronica di bordo (elettronica di missione, di navigazione, di comunicazione e di interfacciamento). Cellula: il muso è stato dotato di un nuovo radome, è stata pure ricostruita la sezione di coda e sono state introdotte importanti modifiche minori (sistema di avviamento autonomo e altro).[11]

    Utilizzatori[modifica | modifica wikitesto]

    Argentina Argentina
    • Fuerza Aérea Argentina
    22 A-4AR
    Brasile Brasile
    • Força Aeronaval
    12 AF-1B/C

    Ex Utilizzatori[modifica | modifica wikitesto]

    Australia Australia
    • Royal Australian Navy
    Indonesia Indonesia
    • Tentara Nasional Indonesia Angkatan Udara
    Israele Israele
    • Heyl Ha'Avir - 236 esemplari. Il 15 dicembre 2015 si è svolta la cerimonia di addio che ha sancito il ritiro degli ultimi 30 aerei in servizio.[7]
    Kuwait Kuwait
    • Al-Quwwat al-Jawwiyya al-Kuwaytiyya
    Malesia Malesia
    • Tentera Udara Diraja Malaysia
    Nuova Zelanda Nuova Zelanda
    • Royal New Zealand Air Force
    Singapore Singapore
    • Angkatan Udara Republik Singapura
    Stati Uniti Stati Uniti
    • United States Navy
    • United States Marine Corps

    L'A-4 Skyhawk nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

    Film[modifica | modifica wikitesto]

    • Al vertice della tensione: È un A-4E della Heyl Ha'Avir israeliana che (dopo essere stato abbattuto) perde la bomba atomica che viene, poi, fatta detonare a Baltimora.
    • Top Gun: Vengono utilizzati dagli istruttori, "Viper" e "Jester" per simulare i MiG nell'addestramento dei piloti di F-14 Tomcat.

    Note[modifica | modifica wikitesto]

    1. ^ "A-4 Specifications." globalsecurity.org.
    2. ^ Douglas A-4 Skyhawk Technical Data, su a4skyhawk.org. URL consultato il 1º novembre 2013 (archiviato dall'url originale il 14 agosto 2014).
    3. ^ P. Camogli, Batallas de Malvinas, p. 40.
    4. ^ Fuerza Area Argentina, su fuerzaaerea.mil.ar.
    5. ^ P. Camogli, Batallas de Malvinas, p. 42.
    6. ^ ARGENTINA NAVY AND AIR FORCE, su a4skyhawk.org. URL consultato il 1º novembre 2013.
    7. ^ a b "Israele dice addio allo Skyhawk", Aeronautica & Difesa" N. 352 - 02/2016 pag.66.
    8. ^ KUWAIT, su a4skyhawk.org. URL consultato il 1º novembre 2013.
    9. ^ U.S.A. NAVY A-4 SKYHAWK UNITS, su a4skyhawk.org. URL consultato il 1º novembre 2013.
    10. ^ U.S.A. MARINE A-4 SKYHAWK UNITS, su a4skyhawk.org. URL consultato il 1º novembre 2013.
    11. ^ DOUGLAS A-4 SKYHAWK PRODUCTION HISTORY, su a4skyhawk.org. URL consultato il 1º novembre 2013.

    Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

    • McDonnell Douglas
    • Guerra del Vietnam
    • Guerra delle Falkland
    • Guerra del Golfo

    Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

    • Collabora a Wikimedia Commons Wikimedia Commons contiene immagini o altri file su Douglas A-4 Skyhawk
    Controllo di autorità LCCN: (EN) sh85123259 · GND: (DE) 4649995-7
    Aviazione Portale Aviazione
    Guerra Portale Guerra
    Estratto da "https://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Douglas_A-4_Skyhawk&oldid=91469536"