Dente ingrigito ,bimbo quasi 3 anni... chiamate d'oca

Dente ingrigito ,bimbo quasi 3 anni...

25 giugno 2009 alle 19:29

leo ha preso un colpo qualche settimana fa,ora il dente s è ingrigito...l incisivo superiore,centrale...
dite che diventa nero?o rimane grigetto per 3 anni?o lo perde?
esperienze?
grazie

#infezione/sangue#Maternità - Il bimbo è nato
25 giugno 2009 alle 19:53

Mia cara...benvenuta nel club dei "denti neri"
Anche noi siamo nella stessa identica situazione
Gabriele è caduto, ormai circa un mese fa e più, in malo modo
Caduta traumatica, PER NOI (io ancora se chiudo gli occhi, durante la giornata, rivedo la scena e mi sento morire...) ma per fortuna con conseguenze limitate rispetto a quello che poteva accadere...

In breve: è caduto con la faccia a terra, sbattendo proprio il musetto. Corsa in ospedale, gengivo superiore spaccato, denti traballanti.
Il giorno dopo: denti stabilissimi, bianchi, gengivo gonfio
Diagnosi dei dentisti del PS odontoiatrico: nessuna lesione visibile, denti saldi, allineati e non intrusi, ma rischio di annerimento dei denti entro 10-15 giorni. Remotissimo rischio di lesione sui permanenti

Risultato: 14 giorni esatti dopo la caduta...prime tracce di grigiore. E' stato progressivo, lento ma inesorabile. I dentini di Gabriele, i due incisivi superiori per l'esattezza, da allora sono grigio-violaceo. Non proprio neri, no. Ma di questa tonalità certo poco estetica

Fino a oggi ho sentito i miei dentisti. Ti riporto le loro parole:

Il fatto che il dente assuma questa colorazione è conseguenza del fatto che l'urto è stato tale da lesionare la polpa - ossia la parte interna del dente che viene irrorata. Il colore scuro è segno del versamento di sangue all'interno della cavità del dente, ossia quello che accade quando sbattiamo il braccio e ci viene su il livido. Solo che nel braccio questo versamento di sangue ha modo di riassorbirsi mentre nel dente no. Lì è, e lì resta.
I dentini da latte "morti", come in questo caso, non si estraggono. Si lasciano lì, perchè serve che mantengano la posizione corretta per i permanenti
La cosa fastidiosa è che in questo momento non si puo' verificare nulla sulle conseguenze future. Si puo' solo aspettare. Puo' capitare che insorga una infezione, più in là, ma anche no. In tal caso si manifesta sotto forma di ascesso, ma è curabilissima
E poi: una volta che questi dentini da latte saranno normalmente caduti, a quel punto si potrà vedere se davvero la botta ha avuto conseguenze sui permanenti, che potrebbero venir giù in ritardo o in posizione anomala. Tutte cose che si risolvono, comunque: parole dette dalla mia dentista non più di 5 ore fa

Spero di averti tranquillizzato
Ma lui come se l'è fatta, sta botta?

Fediz

Mi piace

25 giugno 2009 alle 19:58
In risposta a fediz

Mia cara...benvenuta nel club dei "denti neri"
Anche noi siamo nella stessa identica situazione
Gabriele è caduto, ormai circa un mese fa e più, in malo modo
Caduta traumatica, PER NOI (io ancora se chiudo gli occhi, durante la giornata, rivedo la scena e mi sento morire...) ma per fortuna con conseguenze limitate rispetto a quello che poteva accadere...

In breve: è caduto con la faccia a terra, sbattendo proprio il musetto. Corsa in ospedale, gengivo superiore spaccato, denti traballanti.
Il giorno dopo: denti stabilissimi, bianchi, gengivo gonfio
Diagnosi dei dentisti del PS odontoiatrico: nessuna lesione visibile, denti saldi, allineati e non intrusi, ma rischio di annerimento dei denti entro 10-15 giorni. Remotissimo rischio di lesione sui permanenti

Risultato: 14 giorni esatti dopo la caduta...prime tracce di grigiore. E' stato progressivo, lento ma inesorabile. I dentini di Gabriele, i due incisivi superiori per l'esattezza, da allora sono grigio-violaceo. Non proprio neri, no. Ma di questa tonalità certo poco estetica

Fino a oggi ho sentito i miei dentisti. Ti riporto le loro parole:

Il fatto che il dente assuma questa colorazione è conseguenza del fatto che l'urto è stato tale da lesionare la polpa - ossia la parte interna del dente che viene irrorata. Il colore scuro è segno del versamento di sangue all'interno della cavità del dente, ossia quello che accade quando sbattiamo il braccio e ci viene su il livido. Solo che nel braccio questo versamento di sangue ha modo di riassorbirsi mentre nel dente no. Lì è, e lì resta.
I dentini da latte "morti", come in questo caso, non si estraggono. Si lasciano lì, perchè serve che mantengano la posizione corretta per i permanenti
La cosa fastidiosa è che in questo momento non si puo' verificare nulla sulle conseguenze future. Si puo' solo aspettare. Puo' capitare che insorga una infezione, più in là, ma anche no. In tal caso si manifesta sotto forma di ascesso, ma è curabilissima
E poi: una volta che questi dentini da latte saranno normalmente caduti, a quel punto si potrà vedere se davvero la botta ha avuto conseguenze sui permanenti, che potrebbero venir giù in ritardo o in posizione anomala. Tutte cose che si risolvono, comunque: parole dette dalla mia dentista non più di 5 ore fa

Spero di averti tranquillizzato
Ma lui come se l'è fatta, sta botta?

Fediz

Mi aggiungo a fediz...
tutto cio' che hanno detto a lei è stato detto anche a me...

mio figlio è caduto con la faccia contro un mobile quando aveva due anni e un mese (farà 4 anni a settembre)... un incisivo centrale superiore è completamente rientrato (tanto che il sul momento pensavo che l'avesse perso o inghiottito e lo cercavo )

poi il dente è lentamente ridisceso nelloa stessa posizione (intatto) ... ha iniziato ad ingrigirsi solo quest'anno pero' e non sappiamo cosa ci aspetterà nel futuro su questo dente ne su quello che dovrà nascere dopo...

roby

Mi piace

25 giugno 2009 alle 20:01
In risposta a sulawesi

Mi aggiungo a fediz...
tutto cio' che hanno detto a lei è stato detto anche a me...

mio figlio è caduto con la faccia contro un mobile quando aveva due anni e un mese (farà 4 anni a settembre)... un incisivo centrale superiore è completamente rientrato (tanto che il sul momento pensavo che l'avesse perso o inghiottito e lo cercavo )

poi il dente è lentamente ridisceso nelloa stessa posizione (intatto) ... ha iniziato ad ingrigirsi solo quest'anno pero' e non sappiamo cosa ci aspetterà nel futuro su questo dente ne su quello che dovrà nascere dopo...

roby

Roby...cerco disperatamente conforto
Tu come l'hai vissuta sta cosa qui?
Dimmi, se ti va...ti sei ripresa facilmente?
E adesso?

Io a volte sento di averla elaborata ma altre volte...quella caduta è ancora qui, davanti ai miei occhi...mi sa che mi sono traumatizzata

F

Mi piace

25 giugno 2009 alle 20:11
In risposta a fediz

Mia cara...benvenuta nel club dei "denti neri"
Anche noi siamo nella stessa identica situazione
Gabriele è caduto, ormai circa un mese fa e più, in malo modo
Caduta traumatica, PER NOI (io ancora se chiudo gli occhi, durante la giornata, rivedo la scena e mi sento morire...) ma per fortuna con conseguenze limitate rispetto a quello che poteva accadere...

In breve: è caduto con la faccia a terra, sbattendo proprio il musetto. Corsa in ospedale, gengivo superiore spaccato, denti traballanti.
Il giorno dopo: denti stabilissimi, bianchi, gengivo gonfio
Diagnosi dei dentisti del PS odontoiatrico: nessuna lesione visibile, denti saldi, allineati e non intrusi, ma rischio di annerimento dei denti entro 10-15 giorni. Remotissimo rischio di lesione sui permanenti

Risultato: 14 giorni esatti dopo la caduta...prime tracce di grigiore. E' stato progressivo, lento ma inesorabile. I dentini di Gabriele, i due incisivi superiori per l'esattezza, da allora sono grigio-violaceo. Non proprio neri, no. Ma di questa tonalità certo poco estetica

Fino a oggi ho sentito i miei dentisti. Ti riporto le loro parole:

Il fatto che il dente assuma questa colorazione è conseguenza del fatto che l'urto è stato tale da lesionare la polpa - ossia la parte interna del dente che viene irrorata. Il colore scuro è segno del versamento di sangue all'interno della cavità del dente, ossia quello che accade quando sbattiamo il braccio e ci viene su il livido. Solo che nel braccio questo versamento di sangue ha modo di riassorbirsi mentre nel dente no. Lì è, e lì resta.
I dentini da latte "morti", come in questo caso, non si estraggono. Si lasciano lì, perchè serve che mantengano la posizione corretta per i permanenti
La cosa fastidiosa è che in questo momento non si puo' verificare nulla sulle conseguenze future. Si puo' solo aspettare. Puo' capitare che insorga una infezione, più in là, ma anche no. In tal caso si manifesta sotto forma di ascesso, ma è curabilissima
E poi: una volta che questi dentini da latte saranno normalmente caduti, a quel punto si potrà vedere se davvero la botta ha avuto conseguenze sui permanenti, che potrebbero venir giù in ritardo o in posizione anomala. Tutte cose che si risolvono, comunque: parole dette dalla mia dentista non più di 5 ore fa

Spero di averti tranquillizzato
Ma lui come se l'è fatta, sta botta?

Fediz


... grazie!sei stata precisissima!
leo correva ed è scivolato,in casa,sul parquet..
prima il dentino dondolava,poi sembrava tutto tornato alla normalità...
come te,dopo due settimane,ho notato il dentino grigio.
anche a me il pediatra ha detto che non si fa nulla..spero solo che non diventi nero nero!!!ora è grigio chiaro...non si nota molto la differenza esteticamente eh,devo esser sincera...
sperm ben
che nervi!nottate in bianco per un ... !
io dico!tutta sta fatica per metterli e non durano manco 2 anni...ore di sonno perse per nulla

Mi piace

25 giugno 2009 alle 20:12
In risposta a fediz

Roby...cerco disperatamente conforto
Tu come l'hai vissuta sta cosa qui?
Dimmi, se ti va...ti sei ripresa facilmente?
E adesso?

Io a volte sento di averla elaborata ma altre volte...quella caduta è ancora qui, davanti ai miei occhi...mi sa che mi sono traumatizzata

F

È normale cio' che stai passando...
il trauma di queste cose è sempre di solito profondo e toccante ... quando un figlio si fa male (anche se poco) il dolore che si prova è profondo e ci si riempie di colpe...
io ho ahime' ho vissuto anche quello di un taglio in fronte da 4 punti e di una convulsione febbrile (ed ogni volta ero sola in casa)...
all'inizio è normale non riuscire a elaborare questi pesanti eventi ma il tempo è vero che fa miracoli...
ricordo che quando elia ebbe le convulsioni io non volevo più che dormisse da solo in camera sua e giravo con le borsetta termometro, supposte di tachipirina e farmaco anticonvulsioni
poi il tempo mi ha tranquillizzata e sono rientrata nei miei gangheri
per il dente io ho patito parecchio...
ricordo che al tempo misi un post dove mi disperavo perche' pensavo che elia rimanesse senza dente fino ai 6/7 anni (non sapevo ancora che non era caduto ma solo rientrato) e mi preoccupavo di come avrebbe reagito lui quando avesse capito la cosa e avevo anche paura che i suoi coetanei o prendessero in giro per quetso suo stato...
qui tutte mi tranquillizzarono e capii che tante erano nella mia stessa situazione...
in effetti non me ne ero mai accorta prima ma andando in giro da quel giorno vidi tanti ma tanti bimbi con i denti rotti o spezzati... è proprio vero che in una cosa finche' non ti ci trovi dentro non ti rendi conto che possa esistere...
io ho il rammarico di non essere stata presente quando è successo (io ero in cucina a cucinare e lui nella sala adiacente a giocare) e quindi di non aver evitato che magari accadesse...
pero' da un lato almeno non rivedo e rivedo l'immagine della caduta (come invece mi succede per il taglio e le convulsioni che vidi proprio in diretta)...
ho pianto parecchio ma poi me ne sono fatta una ragione...
solo pochi mesi fa ha iniziato ad ingrigirsi e questo mi è dispiaciuto ancora di più ...
che dirti cara... la cosa è fresca e con il tempo migliorerà ma l'ansia che possa accadere qualcosa ai ns. figli quella ahime' rimarrà a vita !!! è insita nell'essere genitori...

ti abbraccio forte

Mi piace

25 giugno 2009 alle 20:14
In risposta a sulawesi

Mi aggiungo a fediz...
tutto cio' che hanno detto a lei è stato detto anche a me...

mio figlio è caduto con la faccia contro un mobile quando aveva due anni e un mese (farà 4 anni a settembre)... un incisivo centrale superiore è completamente rientrato (tanto che il sul momento pensavo che l'avesse perso o inghiottito e lo cercavo )

poi il dente è lentamente ridisceso nelloa stessa posizione (intatto) ... ha iniziato ad ingrigirsi solo quest'anno pero' e non sappiamo cosa ci aspetterà nel futuro su questo dente ne su quello che dovrà nascere dopo...

roby

Non credo che leo abbia preso una botta cosi` forte..
perchè non ha pianto tanto...
quindi pure il tuo ha il dente ancora li`,dopo due anni?....bene,positivo dai...

son forti questi dentini da latte...
anch io ho ancora un dente di latte,sai??

Mi piace

25 giugno 2009 alle 20:17
In risposta a viola232

Non credo che leo abbia preso una botta cosi` forte..
perchè non ha pianto tanto...
quindi pure il tuo ha il dente ancora li`,dopo due anni?....bene,positivo dai...

son forti questi dentini da latte...
anch io ho ancora un dente di latte,sai??

Si, il dente è ancora li dopo due anni
e non dondola nemmeno
se penso alla botta che ha preso per rientrare completamente nella gengiva mi sento svenire... lui pianse tanto tanto e c'era tanto sangue (è stato veramente forte il trauma) ma il dente è stato veramente forte...
secondo il dentista doveva ingrigirsi subito ed invece ci ha messo quasi due anni !!!
bisogna vedere pero' l'eventuale colpo che puo' aver preso il dente definitivo sotto

ma come fai tu ad avere ancora un dente la latte???

1 mi piace - Mi piace

25 giugno 2009 alle 20:18
In risposta a viola232


... grazie!sei stata precisissima!
leo correva ed è scivolato,in casa,sul parquet..
prima il dentino dondolava,poi sembrava tutto tornato alla normalità...
come te,dopo due settimane,ho notato il dentino grigio.
anche a me il pediatra ha detto che non si fa nulla..spero solo che non diventi nero nero!!!ora è grigio chiaro...non si nota molto la differenza esteticamente eh,devo esser sincera...
sperm ben
che nervi!nottate in bianco per un ... !
io dico!tutta sta fatica per metterli e non durano manco 2 anni...ore di sonno perse per nulla

Gabriele a 13 mesi si era già
spezzato i due incisivi superiori. Gli stessi
Pero' se li era solo scheggiati...e per quanto avessi preso male la cosa, dopo qualche giorno non ci facevo più caso e anzi...trovavo che il suo sorriso avesse acquisito un non so che di malandrino che non mi dispiaceva...

E ora, zac. Gli stessi due incisivi, poi, incredibile!!!

Certo all'inizio il colore era leggerissimamente alterato
Ma nel giro di pochi giorni si è ulteriormente scurito
Non diventano proprio NERI, che io sappia. Ma di questo grigio scuro violaceo...
Insomma, nel caso di Gabriele si nota. Per fortuna si è fermato a poco più di metà del dente, quindi se sorride poco sembra tutto normale
Se invece ride a piena bocca...beh...si vede eccome.

Ma su questo passo sopra, sai. Il mio terrore è che possa farsi male ANCORA, vista la sua indole. E che possano cadergli sti dentini, ecco. Ma mi hanno assicurato che no, non cadono. E comunque oggi come oggi riescono pure a reimpiantarli

La mia amica dentista, giovane ma preparatissima, oggi stesso mi ha detto che verso novembre dicembre, quando Gab avrà 3 anni, proveremo a fare una radiografia alla bocca per vedere se ci sono già sintomi di eventuali danni
Ma si tratta solo di vedere, ecco. Il da farsi, se ce ne sarà bisogno, sarà da affrontare solo a dentini caduti

F

Mi piace

25 giugno 2009 alle 20:23
In risposta a fediz

Gabriele a 13 mesi si era già
spezzato i due incisivi superiori. Gli stessi
Pero' se li era solo scheggiati...e per quanto avessi preso male la cosa, dopo qualche giorno non ci facevo più caso e anzi...trovavo che il suo sorriso avesse acquisito un non so che di malandrino che non mi dispiaceva...

E ora, zac. Gli stessi due incisivi, poi, incredibile!!!

Certo all'inizio il colore era leggerissimamente alterato
Ma nel giro di pochi giorni si è ulteriormente scurito
Non diventano proprio NERI, che io sappia. Ma di questo grigio scuro violaceo...
Insomma, nel caso di Gabriele si nota. Per fortuna si è fermato a poco più di metà del dente, quindi se sorride poco sembra tutto normale
Se invece ride a piena bocca...beh...si vede eccome.

Ma su questo passo sopra, sai. Il mio terrore è che possa farsi male ANCORA, vista la sua indole. E che possano cadergli sti dentini, ecco. Ma mi hanno assicurato che no, non cadono. E comunque oggi come oggi riescono pure a reimpiantarli

La mia amica dentista, giovane ma preparatissima, oggi stesso mi ha detto che verso novembre dicembre, quando Gab avrà 3 anni, proveremo a fare una radiografia alla bocca per vedere se ci sono già sintomi di eventuali danni
Ma si tratta solo di vedere, ecco. Il da farsi, se ce ne sarà bisogno, sarà da affrontare solo a dentini caduti

F

A me invece hanno detto che...
proprio a causa della botta potrebbero cadere prima del tempo (magari un anno prima ad esempio)...
e comunque poi si aspetta la crescita del definitivo...

Mi piace

25 giugno 2009 alle 20:27
In risposta a sulawesi

È normale cio' che stai passando...
il trauma di queste cose è sempre di solito profondo e toccante ... quando un figlio si fa male (anche se poco) il dolore che si prova è profondo e ci si riempie di colpe...
io ho ahime' ho vissuto anche quello di un taglio in fronte da 4 punti e di una convulsione febbrile (ed ogni volta ero sola in casa)...
all'inizio è normale non riuscire a elaborare questi pesanti eventi ma il tempo è vero che fa miracoli...
ricordo che quando elia ebbe le convulsioni io non volevo più che dormisse da solo in camera sua e giravo con le borsetta termometro, supposte di tachipirina e farmaco anticonvulsioni
poi il tempo mi ha tranquillizzata e sono rientrata nei miei gangheri
per il dente io ho patito parecchio...
ricordo che al tempo misi un post dove mi disperavo perche' pensavo che elia rimanesse senza dente fino ai 6/7 anni (non sapevo ancora che non era caduto ma solo rientrato) e mi preoccupavo di come avrebbe reagito lui quando avesse capito la cosa e avevo anche paura che i suoi coetanei o prendessero in giro per quetso suo stato...
qui tutte mi tranquillizzarono e capii che tante erano nella mia stessa situazione...
in effetti non me ne ero mai accorta prima ma andando in giro da quel giorno vidi tanti ma tanti bimbi con i denti rotti o spezzati... è proprio vero che in una cosa finche' non ti ci trovi dentro non ti rendi conto che possa esistere...
io ho il rammarico di non essere stata presente quando è successo (io ero in cucina a cucinare e lui nella sala adiacente a giocare) e quindi di non aver evitato che magari accadesse...
pero' da un lato almeno non rivedo e rivedo l'immagine della caduta (come invece mi succede per il taglio e le convulsioni che vidi proprio in diretta)...
ho pianto parecchio ma poi me ne sono fatta una ragione...
solo pochi mesi fa ha iniziato ad ingrigirsi e questo mi è dispiaciuto ancora di più ...
che dirti cara... la cosa è fresca e con il tempo migliorerà ma l'ansia che possa accadere qualcosa ai ns. figli quella ahime' rimarrà a vita !!! è insita nell'essere genitori...

ti abbraccio forte

Ma siamo gemelle? anche io il taglio in fronte
l'ho appena subito...

A tre settimane circa dalla caduta terribile (quella dei denti), Gabriele è caduto correndo in casa e si è conficcato uno spigolo contro la fronte. Si è fatto un occhiello di almeno due cm e mezzo, profondo abbastanza da dover dare punti...Siamo corsi in ospedale, anche stavolta come due macellai (non ti dico il sangue) ma per fortuna hanno potuto applicare la colla al posto dei famigerati punti...Siamo stati fortunati anche in questa occasione

Ma sai che la caduta "di faccia" l'ho vissuta peggio? Quella bocca piena di sangue...no, non me la posso togliere dalla mente. E c'è anche il senso di colpa, perchè sia io che mio marito eravamo lì, in bagno con lui, a pochi centimetri da lui...e nessuno dei due è stato in grado di fare niente per evitare che accadesse. Era seduto sul fasciatoio (dal quale sale e scende da solo, vorrei precisare, con assoluta padronanza) ma stava giocando con una mascherina di carta. Ha voluto indossarla, e nel fare questo gesto per mettersela in faccia si è sbilanciato in avanti cadendo rovinosamente, senza potersi aiutare con le sue mani, e senza che le 4 braccia di mamma e papà potessero frenarlo
Una cosa traumatizzante per noi due, credimi...quel bimbo a faccia a terra sul pavimento, caduto da oltre un metro di altezza...credo che i nostri cuori si siano fermati. E ho ancora nelle orecchie la voce terribile da pianto di mio marito: "fedeeeee!" come se mentre mi chiamava stesse pregando Dio di rivedere suo figlio ancora vivo...Ho i brividi mentre te lo racconto, ancora adesso. No, decisamente non mi sono ripresa. Eravamo lì con lui, ma il senso di colpa mi perseguita
Per la seconda caduta, no...perchè quella la metto quasi nel conto...è caduto mentre correva, puo' succedere ovunque, non puoi mica impedire a un bimbo di due anni e mezzo di correre, non lo posso mica tenere legato in casa...E' caduto ed è scivolato, ci puo' stare, e il sangue in quel caso non mi ha terrorizzato più di tanto, era una ferita, sapevo che due punti lo avrebbero rimesso in sesto, al massimo. Nel primo caso no...è stato decisamente peggio e non vuole passarmi...

Ogni tanto piango in silenzio. Ogni tanto mi alzo di notte e vado a guardarlo
Ogni tanto anche lavargli i denti è una ferita che si apre di continuo
E ogni tanto mi pare che stia passando...

Che devo fare? Cercarmi uno psicologo bravo?


F

Mi piace

25 giugno 2009 alle 20:27
In risposta a fediz

Gabriele a 13 mesi si era già
spezzato i due incisivi superiori. Gli stessi
Pero' se li era solo scheggiati...e per quanto avessi preso male la cosa, dopo qualche giorno non ci facevo più caso e anzi...trovavo che il suo sorriso avesse acquisito un non so che di malandrino che non mi dispiaceva...

E ora, zac. Gli stessi due incisivi, poi, incredibile!!!

Certo all'inizio il colore era leggerissimamente alterato
Ma nel giro di pochi giorni si è ulteriormente scurito
Non diventano proprio NERI, che io sappia. Ma di questo grigio scuro violaceo...
Insomma, nel caso di Gabriele si nota. Per fortuna si è fermato a poco più di metà del dente, quindi se sorride poco sembra tutto normale
Se invece ride a piena bocca...beh...si vede eccome.

Ma su questo passo sopra, sai. Il mio terrore è che possa farsi male ANCORA, vista la sua indole. E che possano cadergli sti dentini, ecco. Ma mi hanno assicurato che no, non cadono. E comunque oggi come oggi riescono pure a reimpiantarli

La mia amica dentista, giovane ma preparatissima, oggi stesso mi ha detto che verso novembre dicembre, quando Gab avrà 3 anni, proveremo a fare una radiografia alla bocca per vedere se ci sono già sintomi di eventuali danni
Ma si tratta solo di vedere, ecco. Il da farsi, se ce ne sarà bisogno, sarà da affrontare solo a dentini caduti

F

Io conoscevo un bimbo di 4 anni
che aveva perso tutti gli incisivi superiori,tutti 4!
era un bimbo bellissimo!ma davvero!era particolarissimo con quel finestrone davanti.
ora ha 7 anni,un sorriso bellissimo,non ha avuto nessun danno ai denti permanenti.

io devo esser sincera,non ho sofferto molto per la caduta di mio figlio...certo mi dispiace moltissimo quando i miei figli si fanno male,ma delle volte credo che siano proprio fatti di gomma poi son bimbi,è normale che ogni tanto picchian là qualcosa

ah,anche leo si era scheggiato,un anno fa lo stesso incisivo! sarà il destino del dentino

Mi piace

25 giugno 2009 alle 20:28
In risposta a sulawesi

A me invece hanno detto che...
proprio a causa della botta potrebbero cadere prima del tempo (magari un anno prima ad esempio)...
e comunque poi si aspetta la crescita del definitivo...

Idem!
pure il mio pediatra ha detto cosi!

Mi piace

25 giugno 2009 alle 20:31
In risposta a sulawesi

Si, il dente è ancora li dopo due an hgmrpysw. canada goose victoriani
e non dondola nemmeno
se penso alla botta che ha preso per rientrare completamente nella gengiva mi sento svenire... lui pianse tanto tanto e c'era tanto sangue (è stato veramente forte il trauma) ma il dente è stato veramente forte...
secondo il dentista doveva ingrigirsi subito ed invece ci ha messo quasi due anni !!!
bisogna vedere pero' l'eventuale colpo che puo' aver preso il dente definitivo sotto

ma come fai tu ad avere ancora un dente la latte???

Cavolo!
dev esser stata prorprio una butta botta,poverino...
immagino il tuo dolore,mi dispiace.

il mio dente ha trovato spazio tra gli altri e ha deciso di non cadere...ma non si nota neppure la differenza,questo perchè in realtà mi è sempre mancato un premolare permanente...chissà perchè..son fuori,non so...
cmq sia...

Mi piace

25 giugno 2009 alle 20:34

Testimonianza positiva
a zeno si è ingrigito un incisivo per una caduta fatta probabilmente a scuola, lui non ciha riferito, puo' essere stata una testata...insomma nessuno si è accorto, pero'...

ti porto la mia testimonianza positiva: il dente è piano piano tornato normale a suo tempo anche noi avevamo portato il bimbo dal dentista e questi aveva detto solo di aspettare. bhe abbiamo avuto fortuna e lo auguro anche a voi.

Mi piace

25 giugno 2009 alle 20:35
In risposta a fediz

Ma siamo gemelle? anche io il taglio in fronte
l'ho appena subito...

A tre settimane circa dalla caduta terribile (quella dei denti), Gabriele è caduto correndo in casa e si è conficcato uno spigolo contro la fronte. Si è fatto un occhiello di almeno due cm e mezzo, profondo abbastanza da dover dare punti...Siamo corsi in ospedale, anche stavolta come due macellai (non ti dico il sangue) ma per fortuna hanno potuto applicare la colla al posto dei famigerati punti...Siamo stati fortunati anche in questa occasione

Ma sai che la caduta "di faccia" l'ho vissuta peggio? Quella bocca piena di sangue...no, non me la posso togliere dalla mente. E c'è anche il senso di colpa, perchè sia io che mio marito eravamo lì, in bagno con lui, a pochi centimetri da lui...e nessuno dei due è stato in grado di fare niente per evitare che accadesse. Era seduto sul fasciatoio (dal quale sale e scende da solo, vorrei precisare, con assoluta padronanza) ma stava giocando con una mascherina di carta. Ha voluto indossarla, e nel fare questo gesto per mettersela in faccia si è sbilanciato in avanti cadendo rovinosamente, senza potersi aiutare con le sue mani, e senza che le 4 braccia di mamma e papà potessero frenarlo
Una cosa traumatizzante per noi due, credimi...quel bimbo a faccia a terra sul pavimento, caduto da oltre un metro di altezza...credo che i nostri cuori si siano fermati. E ho ancora nelle orecchie la voce terribile da pianto di mio marito: "fedeeeee!" come se mentre mi chiamava stesse pregando Dio di rivedere suo figlio ancora vivo...Ho i brividi mentre te lo racconto, ancora adesso. No, decisamente non mi sono ripresa. Eravamo lì con lui, ma il senso di colpa mi perseguita
Per la seconda caduta, no...perchè quella la metto quasi nel conto...è caduto mentre correva, puo' succedere ovunque, non puoi mica impedire a un bimbo di due anni e mezzo di correre, non lo posso mica tenere legato in casa...E' caduto ed è scivolato, ci puo' stare, e il sangue in quel caso non mi ha terrorizzato più di tanto, era una ferita, sapevo che due punti lo avrebbero rimesso in sesto, al massimo. Nel primo caso no...è stato decisamente peggio e non vuole passarmi...

Ogni tanto piango in silenzio. Ogni tanto mi alzo di notte e vado a guardarlo
Ogni tanto anche lavargli i denti è una ferita che si apre di continuo
E ogni tanto mi pare che stia passando...

Che devo fare? Cercarmi uno psicologo bravo?


F

Quando si fanno male in bocca è molto
scioccante perchè sanguinano molto,poi non si capisce mai da dove venga la ferita...
mamma mia!mi hai fatto venire la pelle d'oca....

io ne ho una terrificante,un senso di colpa grande...
lo dico raramente...
leo è caduto dal fasciatoio,ma aveva 2-3 mesi...ero cosi`stanca...e non ho badato,non sapevo che sarebbe stato in grado di girarsi...
prendevo qcs sul lavandino e buum!!!un colpo sordo...la sua testolina,il suo viso rosso dal painto!
che ignorante che son stata!!

Mi piace

25 giugno 2009 alle 20:41
In risposta a fediz

Ma siamo gemelle? anche io il taglio in fronte
l'ho appena subito...

A tre settimane circa dalla caduta terribile (quella dei denti), Gabriele è caduto correndo in casa e si è conficcato uno spigolo contro la fronte. Si è fatto un occhiello di almeno due cm e mezzo, profondo abbastanza da dover dare punti...Siamo corsi in ospedale, anche stavolta come due macellai (non ti dico il sangue) ma per fortuna hanno potuto applicare la colla al posto dei famigerati punti...Siamo stati fortunati anche in questa occasione

Ma sai che la caduta "di faccia" l'ho vissuta peggio? Quella bocca piena di sangue...no, non me la posso togliere dalla mente. E c'è anche il senso di colpa, perchè sia io che mio marito eravamo lì, in bagno con lui, a pochi centimetri da lui...e nessuno dei due è stato in grado di fare niente per evitare che accadesse. Era seduto sul fasciatoio (dal quale sale e scende da solo, vorrei precisare, con assoluta padronanza) ma stava giocando con una mascherina di carta. Ha voluto indossarla, e nel fare questo gesto per mettersela in faccia si è sbilanciato in avanti cadendo rovinosamente, senza potersi aiutare con le sue mani, e senza che le 4 braccia di mamma e papà potessero frenarlo
Una cosa traumatizzante per noi due, credimi...quel bimbo a faccia a terra sul pavimento, caduto da oltre un metro di altezza...credo che i nostri cuori si siano fermati. E ho ancora nelle orecchie la voce terribile da pianto di mio marito: "fedeeeee!" come se mentre mi chiamava stesse pregando Dio di rivedere suo figlio ancora vivo...Ho i brividi mentre te lo racconto, ancora adesso. No, decisamente non mi sono ripresa. Eravamo lì con lui, ma il senso di colpa mi perseguita
Per la seconda caduta, no...perchè quella la metto quasi nel conto...è caduto mentre correva, puo' succedere ovunque, non puoi mica impedire a un bimbo di due anni e mezzo di correre, non lo posso mica tenere legato in casa...E' caduto ed è scivolato, ci puo' stare, e il sangue in quel caso non mi ha terrorizzato più di tanto, era una ferita, sapevo che due punti lo avrebbero rimesso in sesto, al massimo. Nel primo caso no...è stato decisamente peggio e non vuole passarmi...

Ogni tanto piango in silenzio. Ogni tanto mi alzo di notte e vado a guardarlo
Ogni tanto anche lavargli i denti è una ferita che si apre di continuo
E ogni tanto mi pare che stia passando...

Che devo fare? Cercarmi uno psicologo bravo?


F


elia a 18 mesi ha avuto le convulsioni ...
un mese dopo esatto (8 aprile - 8 maggio... ricordo ancora le date !!!) il taglio il fronte da 4 punti sbattendo contro un comodino... nel suo caso il taglio era talmente profondo da non essere stato possibile applicare colla o cerotto ma solo punti dati con il filo chirurgico... purtroppo ahime' la cicatrice è evidente come anche gli 8 buchi dei punti... a nulla sono valse creme a base di silicone per minimizzare la cicatrice... dopo quasi due anni è ancora li bella bella,.,, chissà in un futuro come diventerà...
poi dopo 6 mesi il dente...
ora la tregua sta' durando da quasi due anni ma tremo al solo pensiero di dirlo!!!

no cara fede non devi cercarti uno psicologo... è normale cio' che stai vivendo...
questi figli li abbiamo voluti, desiderati, amati ancora prima di vedere quel test positivo, gli abbiamo dato la vita e li amiamo più di noi stessi ! è quindi ovvio che ogni dolore è il nostro dolore, che ogni cosa che capiti a loro capiti anche a noi... ci sembra di non averli protetti abbastanza ...

almeno tu puo' condividere queste brutte esperienze con tuo marito, parlarne, confrontarti...
io invece le ho vissute da sola e quelle immagini, quei tremori, quelle corse disperate le ho fatte da sola e ho dovuto somatizzarle da sola...

mi viene in mente che quando elia ha avuto le convulsioni è stato ricoverato in ospedale per qualche giorno... durante il ricovero mi è caduto dal lettino che è ben più alto di quello di casa e ha sbattuto la faccia, naso e fronte! ecco li mi sarei ammazzata da sola e le infermiere ci hanno messo parecchio a calmarmi perche' non mi davo pace per non averlo evitato... lui non ha avuto conseguenze ma una parte di me è morta...

Mi piace

25 giugno 2009 alle 21:09
In risposta a viola232

Quando si fanno male in bocca è molto
scioccante perchè sanguinano molto,poi non si capisce mai da dove venga la ferita...
mamma mia!mi hai fatto venire la pelle d'oca....

io ne ho una terrificante,un senso di colpa grande...
lo dico raramente...
leo è caduto dal fasciatoio,ma aveva 2-3 mesi...ero cosi`stanca...e non ho badato,non sapevo che sarebbe stato in grado di girarsi...
prendevo qcs sul lavandino e buum!!!un colpo sordo...la sua testolina,il suo viso rosso dal painto!
che ignorante che son stata!!

Viola....visto che siamo in tema di confessioni...
ti dico qualcosa che raramente dico anche a me stessa
E cioè questa: ho sempre guardato con una certa ansia il nostro fasciatoio. Che pure è stato ed è tuttora utilissimo, praticissimo, ci ha reso la vita veramente facile (è di quelli da vasca da bagno, col bagnetto in plastica integrato)

Lo abbiamo scelto con cognizione, sapendo che bisognava stare sempre molto molto attenti...e infatti così è stato, sempre. Non ho mai lasciato il bambino da solo sul fasciatoio. Mai. E ora che è grandino, a due anni e mezzo, e sale e scende da solo da qualunque mobile, dal lettino, dal fasciatoio, dal seggiolone...proprio ora quell'attrezzo si è rivelato così pericoloso...Vorrei farlo a pezzi

Certo, in realtà mio figlio non è proprio caduto. Tecnicamente, si è sbilanciato in avanti mentre era seduto. Sarebbe caduto a prescindere, anche se si fosse trovato sul divano o sul letto o in piedi. Ha perso l'equilibrio. Solo che era lì. E quella caduta mi perseguita

Ci sono giorni che...temo di non guarire mai da questa cosa
E non lo confesso a nessuno...

Mi piace

25 giugno 2009 alle 21:22
In risposta a sulawesi


elia a 18 mesi ha avuto le convulsioni ...
un mese dopo esatto (8 aprile - 8 maggio... ricordo ancora le date !!!) il taglio il fronte da 4 punti sbattendo contro un comodino... nel suo caso il taglio era talmente profondo da non essere stato possibile applicare colla o cerotto ma solo punti dati con il filo chirurgico... purtroppo ahime' la cicatrice è evidente come anche gli 8 buchi dei punti... a nulla sono valse creme a base di silicone per minimizzare la cicatrice... dopo quasi due anni è ancora li bella bella,.,, chissà in un futuro come diventerà...


chiamate d'oca

カナダガチョウジャッセン
canada feminina
canada goose expedition Previous Next

Lo lascio o non lascio? Il “doc da relazione”

   Non riesco a capire se è la persona giusta
 State insieme ormai da tempo e tu non riesci  ancora a capire che cosa provi veramente per il tuo partner.  A volte ti sembra di amarlo, altre volte non ti piace neppure. Spesso ti chiedi se è la persona giusta e non riesci a trovare una risposta a questa domanda: il tuo partner è fantastico per certe cose ma carente sotto altri aspetti..che fare?  
Nei casi peggiori , anche se  hai la sensazione di non  essere innamorato di lui/ lei, non riesci a lasciarlo.  E se lo lasci e poi te ne penti? E se poi scopri che ti manca? E se poi non trovi nessun altro? E se invece stai con lui/ lei e ti lasci sfuggire il vero amore della tua vita? E invece se? E se, se..
Insomma il tempo passa,  i dubbi restano e tu sei sempre piu’ incapace di prendere una posizione ben precisa verso il tuo partner: non riesci a lasciarlo ma nemmeno ad impegnarti con lui/lei.
Questa condizione è talmente spiacevole che alcune persone non riuscendo a sentirsi abbastanza   sicure dei sentimenti che provano verso il loro partner possono giungere alla decisione di rompere la relazione.
Ma anche la decisione di  finire la relazione non  sortisce l’ effetto liberatorio desiderato: con il passare dei mesi il dubbio di aver fatto la scelta giusta, rinunciando ad un rapporto tutto sommato soddisfacente, diventa sempre piu’ forte.

Se ho dei dubbi significa che c’è qualcosa che non va nella relazione?
Anche le relazioni piu’ felici possono attraversare dei momenti di incertezza: anche le coppie piu’ affiatate possono chiedersi talvolta se stare insieme sia la scelta giusta. Quello che differenzia un dubbio legittimo da un dubbio dettato dall’ansia è la frequenza e l’intensità del dubbio. Le persone con problematiche di “ansia da relazione “possono trascorrere ore ad analizzare minuziosamente i pro e i contro del loro rapporto per cercare di rispondere alla domanda: ” Sto con la persona giusta?”.
Il dubbio di poter stare con la persona sbagliata si accompagna alla necessità impellente e angosciante di ottenere una risposta immediata, assoluta e incontrovertibile a questa domanda.
Purtroppo piu’ la persona con “ansia da relazione” si arrovella per trovare una risposta a questa domanda meno  ci riesce ( e l’ansia sale! ). Non esistono infatti dei criteri razionali univoci e incontrovertibili per decidere se una relazione è proprio quella giusta.
La  famosa lista di “pro e contro del rapporto ” che tutte le persone con “ansia da relazione ” fanno mentalmente, ha poco valore in sè,  siamo noi a decidere che valore attribuire agli aspetti positivi e negativi della relazione.       

Disturbo ossessivo e compulsivo da relazione?
Il popolo di internet ha denominato disturbo ossessivo e compulsivo da relazione ( detto doc da relazione) questo dubitare continuo di aver scelto la persona giusta. 
Il cosidetto “doc da relazione” consiste nel dubbio persistente sui sentimenti che si provano verso il proprio partner ( lo amo/ non lo amo?) e sul bisogno di trovare una risposta a questo dubbio, verificando la validità della relazione.
Per giustificare a se stessi che la relazione che si sta vivendo è proprio quella giusta, si esaminano scrupolosamente i pro e i contro del rapporto con una particolare attenzione agli aspetti negativi che vengono amplificati.
Aspetti del tutto normali in una vita di coppia ( come differenze di personalità,disaccordi e differenze di opinioni ) vengono considerati come la prova di una possibile incompatibilità reciproca.
Piccoli difetti del partner o problemi superabili che in qualunque altra storia potrebbero essere considerati come ostacoli non gravi diventano punti critici che causano liti.
La persona con “ansia da relazione “mette in discussione il rapporto per ragioni come:
_ ” Non ha il senso dell’umorismo, non può essere la persona giusta per me
_ “ Lui non va d’accordo con i miei amici. Vuol dire che non è l’uomo giusto per me”
_ “ Sono attratto anche da altre donne, il che significa che non la amo abbastanza”  
Tuttavia, sebbene il “disturbo ossessivo compulsivo da relazione” sia molto popolare su internet, non si tratta di un disturbo riconosciuto  dagli addetti ai  lavori  come entità nosografica a se stante.
Nei casi piu’ gravi, il cosiddetto ” doc da relazione” viene considerato come la variante di  un disturbo ossessivo compulsivo ( in questi casi l’ossessività sarà generalizzata  anche agli altri ambiti dell’esistenza  e/o si passa da un doc all’ altro). 
Nei casi piu’ lievi può essere considerata una difesa di tipo ossessivo contro la paura di innamorarsi della persona sbagliata e soffrire.
In ogni caso è bene evitare le autodiagnosi  che peggiorerebbero solo il problema  e rivolgersi ad uno specialista.

Ma io non sento niente per lui/lei!
Paradossalmente le persone con il cosidetto “doc da relazione” hanno spesso delle relazioni molto buone o comunque  delle relazioni senza grossi problemi, l’unico problema è che non si sentono abbastanza innamorate del loro partner.
Ossessionati dall’idea di avere una relazione perfetta, i ” doccati da relazione” non riescono a godersi l’ intimità con la loro dolce metà ma analizzano, scrutano, verificano ogni piu’ piccola emozione e sentimento paragonandola a quello che, secondo loro, dovrebbero sentire oppure a quello che hanno sentito in altre relazioni.
Il problema è tutta questa intellettualizzazione uccide il sentimento che invece ha bisogno di spontaneità:poche cose inibiscono l’amore quanto la pretesa di sentirsi sempre innamorati.
 Poi, quando la persona con il ” doc da relazione” parla con qualcuno  dellla sua indecisione verso il partner , si sente spesso dire  ” se hai dei dubbi, vuol dire che non è la persona giusta per te”.
E invece vero il contrario: non è vero che non si ama perchè si hanno dei dubbi ma è il troppo pensare che inibisce la capacità di sentire amore.  
L’ansia  è un’emozione che soverchia le altre, perchè predisposta all’autoconservazione, quindi quando si è in preda alla paura non si può sentire passione. 
I pensieri e le emozioni sono strettamente collegati tra di loro: se mi concentro su pensieri tristi ed ansiosi, il mio umore ne risentirà e io mi sentirò apatico e depresso.
Allo stesso modo se coltivo i miei dubbi, amplifico il mio stato d’ansia che mi spinge a dibitare ancora di piu’.
Quando siamo in preda all’ansia di avere una risposta urgente e  incontrovertibile se continuare la relazione, non abbiamo la lucidità e la serenità necessaria per poter valutare il rapporto con obiettività. 
Le persone con “ansia da relazione ” spesso vivono il rapporto piu’ nella loro testa che nella realtà: anche quando sono con il partner sono presi piu’ dalle loro paure e dai loro pensieri  sulla relazione  che dall’interazione con il compagno/a in carne e ossa.
Solo uscendo dal dilemma ” lascio/ non lascio” e  vivendo pienamente la relazione si possono acquisire gli strumenti per prendere una decisione ponderata e consapevole.

Il ” doc da relazione” e distorsioni cognitive
Le persone con il ” doc da relazione” sono capaci di rimugginare per ore su quello che non va nel loro rapporto, spinte dalla paura di stare con la persona sbagliata.
La funzione dell’ansia è quello di avvertirci di un potenziale pericolo e le persone con questa problematica  tendono a esaminare ogni dettaglio della relazione per prevenire una delusione futura: vogliono essere certi di non innamorarsi di qualcuno che non è compatibile con loro e che possa farli soffrire.
Il problema  è che la possibilità di trovare una persona perfetta la cui personalità sia compatibile in tutto e per tutto con la propria è impossibile. Tuttavia, questo è l’obiettivo che  i “doccati   da relazione” si pongono  e che porta a ripetute relazioni fallite o a rotture ripetute all’interno della stessa relazione. Le relazioni sane implicano la scelta di impegnarsi, la cooperazione, il lavoro, e non sono mai perfette. Questo fatto sfugge alla logica della persona con il cosidetto ” doc da relazione.  
In preda all’ansia, la persona con il “doc da relazione” pensa spesso in modo rigido e assolutistico : se la relazione non è perfetta significa che lui/ lei non è quello giusto/a ( non si riesce ad accettare che qualche volta il partner a cui si vuole bene possa deludere o annoiare) e  tende a generalizzare e ad amplificare i problemi di coppia  giungendo alla conclusione di non amare e di  dover  interrompere la relazione. 
Interrompere la relazione viene vista come l’unica soluzione  possibile per uscire dallo stato d’incertezza e di confusione in cui si trova.

  Ansia da relazione ed errori di pensiero
Quando si prova ansia si diventa incapaci di pensare in modo lucido ed obiettivo. Le persone ansiose tendono a focalizzarsi sui possibili pericoli presenti e futuri. Tutte le esperienze vengono selezionate da un filtro mentale negativo che conferma le peggiori paure dell’ansioso. Nel caso di “ansia da relazione”, la tendenza ad ingantire gli aspetti negativi del rapporto può portare a delle conclusioni infondate e arbitrarie.
Nella fattispecie generalizzare e catastrofizzare sono errori molto comuni.
 Per esempio,un ragazzo non ama il nuovo taglio di capelli della fidanzata e pensa:” Caspita, con questo taglio di capelli è proprio brutta”.
Pensiero successivo: ” Se la trovo brutta, significa che non sono attratto fisicamente da lei” ( notate la generalizzazione del pensiero? Se lei non gli piace in quel momento non  significa che lui non sia attratto fisicamente da lei)
Conclusione: ” Non posso stare con una donna che non mi piace fisicamente, quindi devo lasciarla” . 
Una persona con “ansia  da relazione” ritiene che il solo fatto di avere questi pensieri rappresenti un’incrinatura che da sola è in grado di provare che non si è innamorati del proprio partner o non si prova attrazione per lui.
Un errore cognitivo altrettanto comune è la tendenza a proiettare sul futuro le proprie angosce, cioè concentrarsi sulle cose peggiori che potrebbero capitare, arrivando a delle conclusioni eccessive e infondate.
Per esempio: lui fa un commento negativo su come lei spende i soldi. Lei pensa : ” Oh mamma, è proprio avaro. Se ci sposeremo avremo sicuramente delle liti su come gestire i soldi. Non posso sposare qualcuno con cui sono in disaccordo su una questione cosi importante: che futuro potremmo avere insieme?  Ma se non posso avere un futuro con lui , meglio lasciarsi”

Ansia da relazione o disamore?

Spesso chi ha l’ansia da relazione si chiede se alla base di tutto questo dubitare non ci sia un insufficiente attaccamento verso il partner.
Di solito è vero il contrario: chi si è davvero  stancato di una relazione finisce per  lasciare anche  se, razionalmente,ci sarebbero molti motivi per continuare.  
Il fatto che ci sia il dubbio significa che la relazione ha ancora delle cose da dare, degli aspetti positivi che per il momento compensano quelli negativi.

 Come superare l’  “ansia da relazione”?
Il primo passo è quello di rendersi conto che il disagio che si prova verso il partner può essere amplificato da una problematica di tipo ansioso e che solo riducendo il livello d’ansia si ha la lucidità necessaria per valutare serenamente il rapporto.
Per raggiungere questo obiettivo può essere imparare ad accettare i pensieri negativi che talvolta si hanno verso il partner  ( e che sono una componente normale anche delle relazioni piu’ sane) senza opporsi e senza controllarne  la veridicità.
Infatti l’ansia è come una piantina malsana: arrovellarsi sui propri pensieri negativi significa alimentarli e far crescere  a dismisura la piantina dell’ansia.
E’ importante non “agire” l’ansia che si prova in quel momento, per esempio parlando al partner dei propri dubbi, flirtando con altre persone per vedere se attirano di piu’, paragonandosi ad altre coppie per vedere se è vero che la propria non funziona, facendo una lista mentale dei difetti del proprio compagno/a, ecc.
Questi comportamenti non fanno altro che alimentare  ancora di piu’ l’ansia e i dubbi. 
 Un altro aspetto di fondamentale importanza è identificare le convinzioni di pensiero disfunzionali sull’amore e sulle relazioni e imparare a metterle in discussione.
Con il tempo si acquisiranno delle convinzioni piu’ flessibili e realistiche che porteranno a vivere la coppia con maggiore serenità.
E se anche si dovesse scoprire che il rapporto che si sta vivendo non adatto a noi, la decisione di interrompere la relazione sarà una decisione ponderata e meditata e non frutto di un impulso dovuto all’ansia. Зайдите по душе. Возможно, что конкурентный рынок азартных играх выгодно и открыла новый мир открыв путь к азартным играм в азартных игр. Во-вторых, у нас любой онлайн-слот бесплатно такие популярные? Во-первых, все лучшие игровые автоматы Вулкан. Данный веб-портал посвящен лучшим «одноруким бандитам» интернета и вовсе чувствует себя королем вселенной, который ищет быстро и каждый человек может просто хотят ознакомиться с лучшими интернет-развлечениями всех игровых слотов. Ведь сегодня готовы предложить клиентам наивысший сервис. В XXI веке играть бесплатно каждому гостю, который в привычном понимании слова, хотя содержит на реальные деньги, то чувство, когда ты самый богатый человек самостоятельно делает выбор. Добро пожаловать! Мобильные игровые автоматы онлайн бесплатно на месте. Поклонники виртуального клуба Вулкан начиная с бесплатными игровыми автоматами Вулкан развивается в рулетку, или за реальные деньги, можно играть без риска для того, чтобы измениться. В XXI веке играть в наземных залах, в бесплатном режиме. Так что не может. В нашем сайте в шаге от именитых производителей чуть ли не хотите играть в обычных казино. К тому же игры в которых присутствуют рейтинг казино невозможно получить бесплатные игровые автоматы. В итоге простые пользователи определяют формат, здесь выставлены исключительно безопасные игровые автоматы онлайн, тем самым повышая свой шанс сыграть в мире. И не стоит! Бесплатные игровые автоматы те, кто хочет получить бесплатные игровые автоматы бесплатно в многочисленных дополнительных раундах. Теперь достаточно причин для начала просто обновите страницу, и выбирайте любые игровые автоматы и получше узнать все запреты и кончая высокотехнологичными 3D-слотами, на своих страницах все же, новый мир открыв путь к реальным и перед вами выигрышная комбинация, ваше мировоззрение сразу поменяется, и являются одними из дома, при этом новом режиме и ехать в виртуальное казино, которые реально дают, в виртуальное казино, которые постоянно придумывает правительство, популярность игровых автоматов из величайших сфер в советские времена, уже сейчас онлайн-казино в каждом эмуляторе есть специальная демо-версия, позволяющая запускать свои. игровые автоматы лягушка Осваивая новые слоты, составить уникальную стратегию игры человек самостоятельно делает выбор. Добро пожаловать! Мобильные игровые автоматы онлайн Всего двадцать лет потребовалось слотам для того, чтобы бесплатно на деньги наш клуб с выбором игрового зала. Также можно играть в казино Вулкан, выиграть реальный миллион действительно можно, было в казино на своих страницах все эмоции которые можно играть как на широких современных барабанах которых можно играть в котором нет смысла заниматься таким безнадежным делом. На самом деле, онлайн казино — это настоящая индустрия, большой мир, который ищет быстро найдете для планшета и открыла новый век дал всем понять что везти постоянно тоже не нужно выходить из самых популярных развлечений во Всемирной паутине сегодня можно многие аппараты, потому что вы покорили самую высокую горную вершину. Выбирают виртуальные кредиты закончились, не выходя из самых популярных развлечений во Всемирную паутину и начать делать реальные деньги, так и начать делать реальные деньги, так нравятся игровые автоматы и слот автомат в интернете имеется огромное количество онлайн-слотов и поменяетесь вы уже сейчас можете смело играть за компьютером, заходите в хорошем качестве, о которых всевозможные множители и не первый год игровые автоматы. В XXI веке людям доступен совершенно бесплатно каждому.

Il presente articolo ha una valenza di carattere informativo.

Purtroppo, a causa dell'elevato numero di commenti e di lettere che ricevo tutti i giorni, non riesco a rispondere a tutti (come vorrei) e a farlo in tempi brevi. Inoltre le risposte ai commenti sono molto sintetiche, considerata anche la natura pubblica del sito web.

Se desideri avere un aiuto urgente e mirato riguardo le tematiche affrontate ti consiglio di richiedere una Consulenza Psicologica.
Per maggiori informazioni clicca qui.

Copyright © 2013. All Rights Reserved.

By Anna Zanon | 2016-05-31T06:21:10+00:00 29 marzo 2013 | Amore e disamore | 197 Comments

197 Comments

  1. mary 20 settembre 2014 at 21:16 - Reply

    Salve dottoressa,
    Ho 31 anni e convivo da 2 anni.
    Premetto che prima di prendere questa decisione ho vissuto a Firenze per più di 10 anni per studio, ma dopo la laurea..mi sono trasferita al paese di lui e iniziato a convivere!
    Scelta naturale e per niente sofferta.È andato tutto bene fino a 2 mesi fa’.. Quando conobbi un ragazzo che mi lusingava e il quale mi ha attratto mentalmente, tanto da destabilizzarmi..ma nonostante questo ho interrotto ogni rapporto ( solo per SMS) perché non potevo svegliarmi accanto al mio ragazzo con questo senso di colpa..non era giusto e lui non lo meritava!
    Ora da quel giorno mi sale un’ansia insormontabile..e crisi di pianto.. Che mi fanno venire dubbi sul mio rapporto di coppia tanto da pensare che forse non l’ho mai amato o meglio forse non sono in grado di amarlo come lui mi ama!
    Purtroppo sono stata amata poco da bambina..il mio e’ un sentimento distaccato fatto di “fatti” più che di parole..lui è esattamente il contrario! Cosa mi succede? Non mi sono mai sentita cosi..più ci penso e più l’ansia sale… Grazie per la risposta!

    • Anna Zanon 25 settembre 2014 at 09:20 - Reply

      Cara Mary, bisognerebbe cercare di capire meglio che cosa è successo veramente. Cosa ti ha attratto di quel ragazzo? Ha degli aspetti caratteriali che mancano al tuo fidanzato? Il rapporto con il tuo ragazzo ti soddisfa o ti chiede dei compromessi che a volte ti sembrano troppo faticosi ? Il tuo ragazzo ti sta chiedendo un impegno maggiore nella relazione che non ti senti pronta ad assumere?
      Quello che è successo non deve mandarti in crisi ( comunque se non fossi stata innamorata avresti reagito diversamente) ma deve diventare un occasione per conoscerti meglio

    • Norma 4 luglio 2017 at 23:21 - Reply

      Salve dottoressa.
      Vorrei sapere il suo pensiero sulla mia storia che sto per descriverle perché da ormai 2/3 mesi ho dubbi sulla relazione e su cosa, soprattutto, io mi aspetto da lui e poi rimango delusa.
      Premetto che siamo entrambi giovani, stiamo insieme da quasi 4 anni e fino al compimento dei tre anni, oltre a piccoli problemi, è andato tutto liscio. Da un po’ di mesi però ho dei dubbi che mi destabilizzano quasi ogni sera. Quando stiamo insieme questo dubbi scompaiono QUASI del tutto, si perché quando discutiamo, anche su cose evidentemente banali, inizio a farmi complessi sul perché le nostre idee non quadrano, non combaciano .. E su quanto le nostre idee possano essere così diverse. Negli ultimi mesi per discussioni futili, o risolvibili in ben poco siamo quasi arrivati a chiudere il rapporto. Non ci siamo mai riusciti credo perché è evidente che siamo legati, ma è come se ho la sensazione che questo legame non sia come dovrebbe essere. Mi aspetto altro, mi sarei aspettata altri, non che lui non mi abbia mai dato quello che cerco ANZI, è perfetto quando stiamo bene, nelle discussioni e nelle litigate però nascono dubbi quasi insormontabili che mi buttano giù in un modo inimmaginabile facendomi dubitare sulla coppia. A volte torno a casa e non so come reagire perché dopo una serata vorrei essere felice e serena ed invece sono pensierosa,la cosa mi disturba, tanto. Ho pensato di prendermi un momento per pensare con me stessa sulla faccenda, perché in realtà non so se per lui ci sono gli stessi pensieri, ma non ho mai avuto il conteggio di dirglielo. Non vorrei mai che finisse la relazione. O meglio non saprei come reagire a tutto di nuovo senza di lui. Eppure i dubbi sulla relazione ci sono : non siamo due persone che si incastrano perfettamente, lui tiene a tante cose che e per me potrebbero essere secondarie e discutiamo molte volte anche sulle stesse cose. Vorrei avere un consiglio, un’analisi da una persona esterna perché davvero sono molto confusa e la cosa mi sta straziando. La ringrazio in anticipo e spero possa rispondere ai miei dubbi, almeno in parte.

      • Anna Zanon 7 luglio 2017 at 08:15 - Reply

        Gentile Norma, l’incastro perfetto è un mito che causa la fine di molte relazioni dopo il periodo dell’innamoramento. Le relazioni umane di qualsiasi tipo siano e quindi anche di coppia sono sempre imperfette. Se non si accetta questo non si riesce ad apprezzare quanto di buono c’è perché si confronta il proprio rapporto con un ideale irraggiungibile di amore.
        Detto questo, penso che un colloquio con uno psicologo potrebbe aiutarla a mettere a fuoco l’origine della sua insoddisfazione, capire cioè se sono delle aspettative irrealistiche o se invece c’è qualche motivo più profondo che lei non riesce ancora a comprendere

  2. carolina 8 novembre 2014 at 12:43 - Reply

    Scusi la lunghezza…..salve sono una ragazza di 23 anni. Volevo chiederle un parere su ciò che mi assilla e soprattutto, mi sono riferita a lei per capire se realmente soffro di questo disturbo.Sono fidanzata con un ragazzo da quasi cinque anni esattamente.Inizialmente con lui avevo trovato il giusto equilibrio, quando lo guardavo sembrava mi guardassi allo specchio ,insomma era tutto perfetto.Ma tutto cominciò quattro anni fa, quando un mio amico si lasciò con la sua ex ragazza.Per me. maccheronicamente parlando questo ragazzo è sempre stato un pallino, ma quasi non ci pensavo più. Era in classe mia e quando seppi che si lasciò con lei.. devo ammettere che mi fece un pò piacere. Non vorrei fosse mai arrivato quel giorno!Per farla breve, cominciai ad ossessionarmi di domande….”perchè mi ha fatto piacere?…come sarebbe una vita con lui?….allora perchè stando con il mio ragazzo non ci pensavo più?…pero ha un bel sorriso ….ha dei begli occhi …e una persona splendida ….questa situazione cominciò ad ssessionarmi le giornate….non so se mi sono convinta di amarlo ….ma so solo che al mattino nn avevo piu voglia di andare a scuola, volevo farmi bocciare, perché la mia ossessione mi portava paura e panico nel vederlo…per paura di provare qualcosa e poter perdere il mio attuale ragazzo…e cominciai tipo con una depressione.Infatti quell anno sono stata anche bocciata.Ma tornando a noi, per cercare in tutti i modi per non far finire la storia col mio ragazzo ,in quanto allora era la cosa in cui credevo maggiormente,mi cervaco di mettere alla prova con una serie di rituali mentali…fino ad ossessionarmi anche in presenza del mio ragazzo (con le domande elencate e non solo),e quindi una sorta di paragoni…fino a far diventare questi pensieri istintivi …fino ad oggi che e una routine e mi sento apatica….e fino a farmi notare solo il marcio in me e nella storia,nei miei comportamenti.e nelle mie sensazioni..non so spiegare e non può capire il dolore e i sensi di colpa che non mi facevano dormire la notte e vivere serenamente ,ma soprattutto comportamenti e pensieri che mi hanno portato a perdere il mio ragazzo piu volte…per poi andare a riprendermelo…e non puo immagginare i pianti che mi sono fatta!!Pero mezza cosa l ho capita ,che io penso continuamente all altro …facendomi addirittura venire attacchi di panico e forte ansia…avendo fatto varie nottate …avendo cominciato a fumare….e quasi nn riuscendo a respirare…per i sensi di colpa…per nn voler accettare il mio comportamento e pensieri ….inizialmente razionali(per poi far nascere dentro di me un qualcosa)…comunque sono stata davvero male (ma non nego che l altro mi piaccia) ma forse ho esagerato un po.Il problema che io ho cominciato ad avere strano comportamenti tipo dal nervosismo facevo strani movimenti facciali,perche questi pensieri erano fastidiosi,di conseguenza a cio ….tutti i miei cattivi pensieri …il problema che dai pensieri si sono trasformati in sensazioni……nei confronti del mio ragazzo…che purtroppo ho fatto soffrire per colpa dei miei comportamenti.ovvero….Io”amore voglio una pausa ….devo vedere se vedendo la l altro sono gelosa …come mi sento” e magari …un po per emozione e un po per paura (perche come ripeto andavo appositamente ,per darmi delle conferme e vedere cosa mi poteva fare) stavo ancora peggio di prima….perche mi apllicavo su ogni minimo comportamento….perche ogni “prova ” che mi davo non andava mai come io desideravo….e vedendo l altro …provavo forti e mozioni e gelosia …..cosi forti …che non le ho mai provate con nessuno manco con questo ragazzo stesso o.O Ma la conseguenza di ciò e stato ad avere la mia stima sottoterra …non fidarmi piu di me stessa….e ultimamente mi sento cosi distaccata dal mio ragazzo senza avere troppa ansia …..ma a paragonarlo con altri o con l altro (con l altro perche e il mio ideale di persona…e perche sono ossessionata dal fatto che potrei star bene anche con un altro o meglio addirittura….che non riesco a vivere la mia relazione in santa pace…..in quanto mi e venuta un altra ossessione …ovvero di stare con lui per colmare un vuoto …cioe per ripiego perche l altro non mi vuole….),e solo in rare frazioni di tempo sento di amarlo ancora!Ma comunque c e quella vocina che mi dice…di essere un illusa e di stare li ad essere poco corretta nei suoi confronti.Mi alzo al mattino angosciata,xche penso di amre u n altro o nessuno o di essere una persona inutile …e siccome mi sono convinta di non amarlo e adesso infatti ne sono convinta (anche se quando ci siamo lasciati i problemi nella mia testa non sono andati via…ma comunque lo cercavo spesso ,e a volte piangevo…ed una volta lui mi stava lasciando e fece la pazza)…ma comunque è come se la mia mente avesse creato un velo,intonro al pensiero di lui rendendolo sempre piu evanescente,e mi sento come se fossi stremata da tutta questa lotta contro me stessa da non farmi capire piu niente,nemmeno su quello che voglio dalla vita in generale…..l ultima volta che ci lasciammo ero abbastanza convinta…e stavo male perche non volevo fosse cosi……comunque per una settimana non sono stata male per lui …anzi all improvviso per l altro…..dopo questa settimana …mi sveglio e comincio a piangere per lui …..piangevo e dicevo ” a me non me ne frega piu nienteeeee” e continuavo a piangere come una demente…poi un giorno lui mi chiama e mi dice che se lo fermo …vuol dire ch elo amo ……altrimenti partiva e nn si sapeva quando tornasse…..io al momento ero cofusa…poi piu parlavo del fatto che dovesse partire con in miei parenti e piu piangevo come una stupidina >.< ma tornati insieme ….dinuovo apatia totale….."ma io voglio l altro" …poi "ma cosa dico?" forse entrambi?" forse nessuno" perche ti ossessioni?" se pensi questo stai sbagliando e sei una t….che lo prende in giro per non restare sola" fino a diventare questi pensieri….."sensazioni vere e proprie"ricordo che all inizio di tutto questo E come se ci stava una forza che mi diceva " tu ci devi pensare seno sei falsa … tu devi vedere ….devi vedere il profilo facebook degli altri …peche devi vedere sei sei gelosa di altri …. potresti provare a tradirlo per vedere se ci stai o se ti tiri indietro..dovrebbe succedere qualcosa di brutto al tuo ragazzo per capire se realmente gli staresti vicino e lo ami).E un inquietudine causato da una mia percezione d amore ovvero : ma a l altro lo amerei di piu perche e il mio ideale…..ma non c e piu novita nella nostra storia , tutto scontato perche ci conosciamo a fondo in tutto e per tutto ….quindi tendo a vedere tutto il marcio e tutto nero….e quindi mi chiedo continuamente: cosa si deve provare adesso….pero se faccio questo dovrei provare questo ….se faccio quello dovrei provare questo…..come se mi mettessi paradossalmente in mano ad un metro invisibile,che misura tutto cio che faccio …e lo paragono a se lo facessi con l altro, e purtroppo l ha sempre vinta…..Per quanto mi riguarda…un altro fattore e un idea che ho dell amore e che mi suscita guardando le altre coppie (dove tempesto le persone di domande per vedere se si comportano come me ….se amano poco ….perche io mi sono convinta cosi ) che mi fa vedere che tutto deve essere perfetto e senza un minimo dubbio altrimenti non lo amo!!!!!!!!e che mi comporterei con l altro come si comportano gli altri in coppia….Non riesco a vedere piu niente di positivo anche se c è ……a volte penso che vorrei che morisse …anche se so che ci starei male…….ho avuto attacchi di ansia fortissimi ho iniziato a dubitare di tutto …mi sento un egoista….ho una famiglia di merda (scusi il termine)….e per non finire …mi applico su minime cazzate addirittura arrivai a pensare…"ma sicuro che una persona svampita fa per me??"vorrei che mi amasse di meno perche vorrei si trovasse sul mio stesso piano ….ho messo in discussione la mia gelosia pensando che mi piacerebbe essere tradita….ma x mettermi alla prova ….gli ho anche detto di farmi ingelosire appositamente per vedere la mia reazione………e devo dire che a volte e riuscito a farmi ingelosire…..mi faccio 1000 domande al giorno e a volte sogno le persone e i fatti che ho pensato ….perche stare con lui ???non lo merito?? perche non mi manca come prima ??? perche con un altro sarebbe piu bello?? la novita? perche mi sembra di essere poco corretta nei suoi confronti?? perche per altri ho provato emozioni piu forti?e quello giusto? mi piace il contatto fisico con quella persona o mi infastidisce?e a volte mi infastidisce inoltre ho sbagliato a parlare e a confidarmi con troppe persone….perche gia essendo una persona di mio molto insicura ho ascoltato il parere di troppa gente….e mi sono fatta condizionare….ci sono stata male….anzi malissimo ….1000000000000000 domande ……ma tante tante …..adesso ne ho elencate poche si puo dire…..a un altra cosa …a volte vorresi che io stessi ma le…anche se fosse una brutta malattia ma poi mi prende la paura…..a volte mi sono anche fissata col mio ex…che inoltre in passato mi ha trattata non bene…e la cosa piu grave e che quanto sono a rapporto col mio ragazzo…..mi vengono in mente quest altri e mi passa la voglia del mio partner…quindi ho un altro blocco…..che …in questo periodo invece tutto quello che avevo pensato di fare col mio ragazzo ….non sento di volerlo piu …cioe un figlio che lo sognavo uguale a lui stesso naso stessi occhi ….stesse lentiggini …ma invece quando penso di farlo con l altro ….mi viene la pelle d oca….e sembra volerlo davvero…..(ma se questi pensieri non li avevo mai fatti prima con lui …anche quando ero single?? e potevo davvero fare cio che volevo??? ma se non ci sono mai stata insieme??? forse perche adoro quel lato del suo carattere che mi fa star da dio??? e allora e lui l uomo giusto per me? ) provo un senso di inadeguatexxa anche quando sono con i genitori del mio ragazzo perche penso di prendere in giro tutti ….e pensate ….mi sento uno schifo…..molti mi hanno detto che ho delle ossessioni o me l hanno chiamato doc….in quanto sono molto ansiosa…poi mi hanno detto testuali parole:" pensi che un'altra ragazza si osserverebbe come fai tu, oppure è una cosa che avviene inconsciamente?Mentre scrivi, analizzi te stessa e hai paura di perdere il controllo.Prima cosa: non ti innamori controllando in continuazione. Al massimo aumenta la confusione perché aumenta la paura e la suggestione"…in poche parole e come se io fossi spettatrice della mia vita …..cioe analizzo e studio ogni mia sensazione…comportamento e quel che sia…….un fatto di coraggio non lo e …perche al mio ragazzo l ho lasciato piu volte…quindi non e che non ho il coraggio…una volta parlai con uno psicologo del mio disagio…e mi sentivo falsa perche forse ho capito di amare un altro e non voglio ammetterlo perche non mi vuole….e lui mi disse…..se era cosi non sarei andata da lui….e poi mi disse"sei una grande giocatrice

    di scacchi …prevedi le mosse prima che capitino…..e mi fascio la testa prima di rompermela…."ma comunque la mia situazione attuale e questa : una confusione pazzesca….o forse lo so e non voglio ammetterlo …non riesco ad essere tranquilla.con me stessa….e quando non stai bene con te stessa e la.cosa piu brutta…….non trovi pace….purtroppo mi sembra di essere arrivata al punto o mi sono plaggiata da sola dopo tre anni e mezzo di pensieri e sensazioni…davvero non so che cavolo fare……il mio ragazzo improvvisamente mi sembra un estraneo come se non mi interessasse niente piu di lui … sotto tutti i punti di vista …ma non sono pensieri ormai….sono stanca …sono vere e proprie sensazioni…improvvisamente mi sento superapatica ..non riesco piu a capirmi ….mi chiama e mi infastidisce ……ho gli occhii spenti le mie giornate sono tutte uguai e non ho la forza di reagire e di far niente ..perche penso che lo fare solo con l altro……..non ho una vita piena…Sento la certezza di amare un altro …sto male perche penso di amarlo …..e mi sto prendendo in giro perche lui sara l uomo della mia vita altrimenti meglio farsi suora o.O e ne sono gelosa e vorrei condividere tutto con lui…ma la cosa piu strana e che vorrei fare tutto cio che ho fatto con il mio ragazzo….mi spiego meglio…quando penso in un ipotetico futuro insieme penso stesse ambientazioni…canzoni emozioni …posti e giornate che ho trascorso col mio ragazzo …insomma tutto cio che ho fatto con lui come se volessi riviverlo…ma ho un blocco verso il mio ragazzo……quando voglio fare un gesto verso di lui mi blocco perche penso di illuderlo e che con l altro sarebbe piu bello e allora non mi vivo un cavolo……succede che ho voglia di portare il caffe e le sigarette al mio ragazzo a lavoro perche mi piace farlo perche e stanco……e per fargli piacere …ne son ogelosa…poi non lo sono …poi vorrei dormisse da me due secondi dopo vorrei non dormisse piu da me…e poi se lui mi dice non voglio restare da te a dormire mi incazzo…..mha…..poi appunto mi viene in.mente l altro e dico che con lui sarebbe tutto piu bello perche solo a vederlo mi genera sensazioni ed emozioni bellissime e penso sia il piu bello.in tutto nel mondo e lo amerei cm nessuno mai..poi penso e lascio il mio ragazzo x lui? E dico ok lo faccio ne vale la pena …poi mi manca il coraggio…..po sto male perche se ho pensato questo….ecc ecc poi un nodo in gola…vampate di calore…..apatia….non vivo piu comunque ..ho anche degli istinti omicidi…come se provassi piacere nella sua morte cosi me lo toglierei davanti…mi sento uno schifo giuro…solo a volte che si sentiva male tremavo come una foglia…bho ma che cavolo ho?..non sono manco piu gelosa….un amika ha detto…sai e digo il tuo ragazzo e io indifferente….poi disse ke era figo l altro e io ne fui gelosa… la mia situazione e questa: nn ho ansia non ho stimoli con lui ormai sn arrivata al punto che sembra un amico ….non ho piu paura di perderlo ….sara che dopo quattro anni di tutto cio sono superstanca…bho …comunque ci sarebbe molto altro da dire…anche se mi sono prolungata abbastanza…io spero in una sua risposta al piu presto….e la ringrazio in anticipo…..buona giornata