La politica: aforismi giacche canadese

1.     I neri sono i negri, i gialli sono i cinesi, i bianchi sono gli occidentali, i rossi sono gli indiani. E allora chi cazzo sono i Verdi? (Ivan Della Mea)

2.     Quando ho saputo la storia di Lucifero, ho capito che per l'opposizione non c'e' mai stata speranza.

3.     Notizia giornalistica: Scatta l'ora legale. Panico tra i socialisti. (da "Cuore"). [Al ripristino dell'ora solare: Finisce l'ora legale, sollievo tra i socialisti]

< fztxihek. canada goose prixp class=MsoListParagraph style='margin-bottom:12.0pt;mso-add-space:auto; text-indent:-18.0pt;mso-list:l0 level1 lfo1'> 4.     In politica - come in amore - i saggi non fanno conquiste.

5.     Il capitalismo e' una ingiusta ripartizione della ricchezza. Il comunismo invece e' un'equa ripartizione della miseria.

6.     Nel Capitalismo l'uomo sfrutta l'uomo; nel Comunismo e' l'esatto contrario. (John Kenneth Galbraith) (Legge di Juri)

7.     Premio Nobel a Occhetto per la natura.
giacche canadese

Onde comprar canada ganso
canada goose victoria parka
canada goose victoria parka

Seconda battaglia di Ypres

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai a: navigazione, ricerca
Seconda battaglia di Ypres
parte del fronte occidentale della prima guerra mondiale
Data 22 aprile - 25 maggio 1915
Luogo Ypres, Belgio
Esito vittoria tattica difensiva alleata
Schieramenti
Francia Francia
  • Armata d'Africa

Regno Unito Regno Unito

  • Canada Canada
  • bandiera Terranova
  • British Raj Red Ensign.svg India britannica
Belgio Belgio
Germania Germania
Comandanti
Regno Unito Horace Smith-Dorrien
Canada Arthur Currie
Francia Henri Gabriel Putz
BelgioA.-L.-T. de Ceuninck
Belgio Theophile Figeys
Germania Albrecht von Württemberg
Effettivi
8 divisioni di fanteria[1] 7 divisioni di fanteria
Perdite
70.000 fra morti, feriti e dispersi 35.000 fra morti, feriti e dispersi
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

La Seconda battaglia di Ypres (chiamata anche Seconda battaglia delle Fiandre) fu combattuta durante la Prima guerra mondiale, nei mesi di aprile e maggio 1915, presso la cittadina belga di Ypres.

Fu il primo caso sul fronte occidentale in cui furono utilizzate su larga scala armi chimiche, e la prima volta in cui una forza coloniale (le truppe canadesi) si impose sulle truppe di una potenza europea sul suolo del vecchio continente, precisamente negli scontri avvenuti a Saint Julien (Bois-de-Cuisineres).

Consistette di quattro battaglie separate:

  • Battaglia di Gravenstafel, 22 e 23 aprile 1915
  • Battaglia di Saint Julien, 24 aprile - 4 maggio 1915
  • Battaglia di Frezenberg, 8 - 13 maggio 1915
  • Battaglia di Bellewaarde, 24 e 25 maggio 1915

Indice

  • 1 L'attacco coi gas a Gravenstafel
  • 2 Bois-de-Cuisineres
  • 3 Dopo la battaglia
  • 4 Note
  • 5 Voci correlate
  • 6 Altri progetti
  • 7 Collegamenti esterni

L'attacco coi gas a Gravenstafel[modifica | modifica wikitesto]

Alle 17.30 del 22 aprile i tedeschi rilasciarono, da 5.730 bombole, 168 tonnellate di un gas di cloro su un fronte di circa sei chilometri, causando circa 5.000 morti nello schieramento alleato nel giro di dieci minuti[2]. Il gas colpiva i polmoni e gli occhi causando problemi respiratori e cecità; essendo più denso dell'aria tendeva a raccogliersi sul fondo delle trincee, forzando gli occupanti ad abbandonarle.
I primi ad essere colpiti furono le truppe coloniali algerine della 45ª Divisione, quindi anche l'87ª Divisione territoriale francese; i sopravvissuti abbandonarono le posizioni in massa, lasciando una breccia di sei chilometri nella linea del fronte; tuttavia gli stessi tedeschi non avevano preveduto una tale efficacia della nuova arma, così non erano state predisposte truppe sufficienti a sfruttare l'occasione favorevole, e la Divisione canadese riuscì a ripristinare la continuità della linea e a tenerla pur di fronte a successivi attacchi col gas fino al 3 maggio.

I venti soffiavano in favore dei tedeschi; ciò significava che qualunque arretramento di posizioni di portata inferiore ad una vera e propria ritirata avrebbe lasciato le forze alleate in aree contaminate. I canadesi, inizialmente tenuti in riserva nelle retrovie, si resero conto che l'unico posto dove trovare aria pulita era il più vicino possibile alle linee tedesche: avanzarono dunque usando come primitive maschere dei fazzoletti imbevuti di urina (l'ammoniaca in essa contenuta reagisce col cloro neutralizzandolo). Sebbene la battaglia fosse considerata inconcludente, l'aver ristabilito la continuità del fronte in tali condizioni guadagnò ai canadesi il massimo rispetto, e ne prefigurò l'uso, più avanti nella guerra, come truppe d'assalto, sebbene 1.000 di essi fossero rimasti uccisi in quest'occasione, e 4.975 feriti, su una forza di 10.000.

Bois-de-Cuisineres[modifica | modifica wikitesto]

Il nome di questo bosco di querce ("bosco dei cucinieri", in inglese Kitcheners' Wood) deriva dal fatto che le truppe francesi vi avevano impiantato le proprie cucine da campo. Il 10º Battaglione della 1ª Brigata canadese ricevette l'ordine di contrattaccare questa posizione; le truppe si raccolsero dopo le 23 del 22 aprile. Il 16º Battaglione della 2ª Brigata arrivò nel mentre, con l'incarico di supportare l'attacco. Entrambi i battaglioni contavano oltre 800 uomini e si disposero su ondate di due compagnie l'una. L'ordine di avanzata fu dato alle 23.46. Le ondate di testa del 10° riuscirono a coprire metà della distanza che le separava dal bosco, incappando in uno sbarramento rinforzato da filo spinato. Non era stata fatta nessuna ricognizione prima, e il battaglione fu costretto ad abbattere l'ostacolo coi calci dei fucili, ricevendo fuoco dai mitraglieri tedeschi distanti circa 200 metri. Entrambi i battaglioni riuscirono a coprire la restante distanza, cacciando i tedeschi dal bosco, ma patendo oltre il 75% di perdite. Il comandante del 10º Battaglione, tenente colonnello Boyle, venne ferito mortalmente nei primi momenti dello scontro, colpito cinque volte all'inguine da una mitragliatrice tedesca.

Dopo la battaglia[modifica | modifica wikitesto]

Rovine di Ypres nei pressi della piazza del mercato.

Si è sostenuto che se i tedeschi fossero stati preparati ad approfittare del vantaggio conseguito, da questa battaglia sarebbe risultato uno sfondamento diretto su Parigi che avrebbe posto fine alla guerra. L'uso di gas tossici non era al suo esordio storico, giacché si era già visto sul Fronte orientale, ma giunse come una sorpresa per gli Alleati. Dopo questa battaglia, entrambe le parti svilupparono armi chimiche più sofisticate, e conseguenti contromisure, cosicché mai più in seguito i gas furono una sorpresa, né ebbero un effetto particolarmente determinante.

L'inadeguatezza dei metodi di addestramento e di impiego nelle truppe alleate furono evidenziati dalle tattiche ormai antiquate adottate a Bois-de-Cuisinieres e a St. Julien, e le tattiche delle truppe coloniali sarebbero state lente ad evolvere. Ad Ypres l'unità tattica minima della fanteria era la compagnia; nel 1917 sarebbe stata la sezione.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 2 francesi e 6 fra britanniche, canadesi e di Terranova
  2. ^ Smart J.K., Medical Aspects of Chemical and Biological Warfare, Chapter 2, An History of Chemical and Biological Warfare: An American Perspective, Aberdeen Proving Ground, U.S. Army Chemical and Defense Command, 1996, pag. 14

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

  • Prima battaglia di Ypres
  • Terza battaglia di Ypres
  • Quarta battaglia di Ypres
  • Gastruppe

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

  • Collabora a Wikimedia Commons Wikimedia Commons contiene immagini o altri file su seconda battaglia di Ypres

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Kitchener's Wood Memorial, su wo1.be.
  • Per ampliare, su greatwar.co.uk.
Grande Guerra Portale Grande Guerra
Guerra Portale Guerra
Storia Portale Storia
Estratto da "https://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Seconda_battaglia_di_Ypres&oldid=92049895"


ragwear Mr. Smith Giacca

€ 149,95
IVA inclusa escl.i costi di spedizione
Valuta per primo questo prodotto
Colore: olive
olive - green
tobacco - brown
Taglia:
Misure/Taglie
  • S
  • M
  • L
  • XL
Tempi di consegna da 2 a 5 giorni lavorativi
 
Taglio:  Il modello è alto 180 e indossa la taglia M / La modella è alta 180 e indossa la taglia M.
Servizio Clienti: +39 0294 750 775
Informazioni sul modello / Informazioni sulla modella
Bernd indossa una M
Altezza corpo 180 cm Petto 92 cm
Lunghezza del braccio 63 cm Girovita 79 cm
Lunghezza interna della gamba 77 cm Fianchi 102 cm
Tabella delle taglie per ragwear - Uomo Giacche streetwear

Mr. Smith sa cosa è meglio per te

A Mr. Smith piace il calore ed il comfort, o almeno questo è ciò che questa omonima giacca cerca di mostrare. Il marchio con base a Praga non vuole vantarsi aggiungendo dettagli su dettagli, infatti questa giacca è tutta sempplicità e stile casual. Il parka Mr. Smith è foderata in pellicciotto per essere super confortevole. I polsini, il fondo ed il punto vita sono regolabili, così puoi aggiustare il fit come preferisci. 

Ragwear believes that neither humans nor animals should suffer for fashion. Their clothing is PETA-approved vegan.

The Ragewar Guarantee:

  • No child labour
  • No leather
  • No wool
  • No silk
  • No fur
  • No down
  • No badness

Caratteristiche

  • Articolo numero: 485986
  • Specifica materiali: polyester, cotton
  • Caratteristiche del materiale: idrorepellente
  • Caratteristiche streetwear:
    • Side pockets
    • Cappuccio
  • Eco: sostenibile
  • Taglio: taglio normale
Caratteristiche
  • Polsini regolabili 
  • Fondo della giacca e punto vita regolabili con cordoncino
  • Tasche laterali con bottone automatico di chiusura
  • Patch del logo sulla manica
  • Articolo vegano con approvazione PETA

Disponibilità in Negozio

Profilo del brand

The first name in vegan streetwear. With a laid back brand philosophy of keeping it simple, clean and great looking. Ragwear tick all the boxes.

Potrebbe piacerti anche

Tags: ragwear giacca, ragwear giacche